Questo sito utilizza cookie per fini operativi e statistici, come descritto nella nostra Informativa sui cookie e su tecnologie analoghe. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze, visitare la nosta pagina sull uso dei cookie. Chiudendo questo banner, restando su questa pagina, o cliccando su qualsiasi elemento si acconsente al nostro utilizzo dei cookie. Per saperne di più

processo penale e giustizia

direzione di Adolfo Scalfati

biblioteca univ bologna

melk abbey austria (1)

photo (1)

oxford univ library

photo (2)

photo

L’ordinanza in esame rimette il ricorso alle Sezioni Unite, rilevando un contrasto giurisprudenziale in tema di dichiarazione di incompetenza per materia: la norma di riferimento è l’art. 23 comma 1 c.p.p., dichiarata incostituzionale con sentenza 11 marzo 1993 n.76 nella parte in cui prevedeva che «quando il giudice del dibattimento dichiara con sentenza la propria incompetenza per [...]
Ricorso per Cassazione cumulativo- prescrizione - ammissibilità - esclusione In caso di ricorso avverso una sentenza di condanna che riguardi più reati ascritti allo stesso imputato (sentenza oggettivamente cumulativa), l'autonomia dell'azione penale e dei rapporti processuali inerenti ai singoli capi di imputazione impedisce che l'ammissibilità dell'impugnazione per uno dei reati possa [...]
Giusto processo - difesa tecnica - rinuncia  L’assistenza e la difesa tecnica devono essere garantite in ogni fase del procedimento, sin dal primo approccio tra la persona sottoposta alle indagini e l'autorità inquirente. Maggiormente rigoroso dovrebbe essere il rispetto di tale principio nelle fasi iniziali e nei casi in cui il soggetto partecipi  attivamente alla formazione della [...]
Libertà personale - indagini preliminari – diritti del detenuto – imparzialità degli atti d’indagine Gli articoli 2  e 3 della Convenzione presentano, come è noto, un portato sostanziale ed uno procedurale. Nell'ipotesi in cui un soggetto riporti lesioni ovvero deceda nel periodo in cui è sottoposto alla custodia dell'autorità statale, il risvolto materiale delle norme suddette [...]
Libertà personale - custodia cautelare - termini processuali - tassatività L'inosservanza dei termini previsti dall'ordinamento interno con riferimento alle misure restrittive della libertà personale costituiscono un elemento indiziante, ma di per sé non decisivo, circa la rapidità del riesame dei provvedimenti suindicati (come previsto dall’articolo 5 comma 4 della Convenzione). Assumono [...]
Giusto processo - partecipazione alle udienza - diritto di difesa- imputato detenuto  L'art. 6 §§ 1 e 3 della Convenzione sancisce il diritto dell’imputato di partecipare alle udienze relative al giudizio sul merito dell'accusa elevata a suo carico:  tale prerogativa deve potere essere bilanciata anche rispetto all'opposto interesse - facente capo tanto alle vittime, quanto alla [...]
Riconoscimento della continuazione - reati satelliti già giudicati - aumento di pena maggiore rispetto a quello stabilito dal giudice della cognizione - esclusione Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno affermato che il giudice dell’esecuzione, in sede di applicazione della disciplina del reato continuato, non può quantificare gli aumenti di pena per i reati-satellite in misura [...]
Libertà personale – diritto al rispetto dei rapporti familiari – Ingerenze dei pubblici poteri – reati endofamiliari (in particolare, abusi sessuali su figli minorenni) Il diritto al rispetto della vita privata e familiare, regolato dall’art. 8 della Convenzione, non è rispettato qualora le misure emesse dai tribunali nazionali rappresentino delle arbitrarie ingerenze dei pubblici [...]
Notificazioni - Elezione di domicilio presso il difensore d'ufficio - Mancata previsione della notifica personale all'imputato dell'atto introduttivo del giudizio penale - Inammissibilità É inammissibile la questione di legittimità costituzionale degli artt. 161 e 163 del codice di procedura penale, sollevata, in riferimento agli artt. 2, 3, 21, 24, 111 e 117 della Costituzione, [...]
Indagini preliminari – (Ab)uso della forza da parte degli agenti di polizia - Incompletezza delle indagini preliminari Il principio per cui nessuno può essere sottoposto a torture o a comportamenti degradanti ed inumani è violato anche nei contesti di uso eccessivo e sproporzionato della forza da parte degli agenti di polizia durante le fasi di arresto. Inoltre, tali comportamenti, posti in [...]
Ragionevole durata – Revisione del processo Il principio di ragionevole durata del procedimento penale – caposaldo fondamentale di ogni ordinamento giuridico democratico – è violato se la durata complessiva del processo, escluso il tempo intercorrente tra il giudizio di appello e l’annullamento della sentenza tramite il giudizio di revisione, è superiore ai 5 anni e 27 giorni. Il [...]
Trattamento carcerario - inadeguate condizioni di detenzione L’art.3 della Convenzione dispone che nessun individuo potrà essere sottoposto a tortura, né a pene o trattamenti inumani o degradanti. Si presume la violazione di tale regola ogni volta in cui lo spazio personale disponibile ai detenuti all’interno dell’ambiente carcerario sia estremamente limitato. Si ricorda che l'onere per [...]
Giusto processo – diritto di difesa – diritto all’assistenza legale gratuita - impugnazioni Gli “interessi della giustizia” ai quali è subordinato il diritto all’assistenza legale gratuita di cui all’art. 6 § 3 lett. c) Cedu devono ritenersi sussistenti qualora l’accusato intenda impugnare la condanna innanzi ad una corte superiore avente giurisdizione su questioni sia di [...]
Giusto processo – diritto alla prova - prova contraria Il diritto ad un equo processo, enunciato all’art. 6 Cedu, prevede che i giudici utilizzino ogni ragionevole strumento al fine di controllare le dichiarazioni incriminanti dei testimoni d’accusa Quindi, data l’importanza del principio in parola, è indispensabile che all’accusato sia riconosciuta la possibilità di addurre prove a [...]
Libertà personale - controllo giurisdizionale - tempestività Il controllo giurisdizionale che deve essere garantito, ai sensi dell'articolo 5, paragrafo 3, Cedu, a seguito dell'arresto di una persona, deve, prima di tutto, soddisfare il requisito della tempestività, in modo che si consenta l'individuazione di eventuali maltrattamenti e, cioè, al fine di ridurre al minimo qualsiasi [...]
Giusto processo - Diritto al rispetto della vita privata e familiare - Perquisizione Le eccezioni al diritto al rispetto della vita privata e familiare previste dal paragrafo 2 dell’art. 8 Cedu devono essere interpretate in senso restrittivo. Quindi, data l'importanza della situazione giuridica in parola e vista l'invadenza che l'accesso degli agenti di polizia nella privata dimora o sul [...]
Prova testimoniale - Dichiarazioni dell'imputato in un procedimento connesso o per un reato collegato, nei cui confronti sia stata pronunciata sentenza di assoluzione perché il fatto non sussiste - Obbligo di assistenza difensiva e necessità di riscontri esterni a supporto delle dichiarazioni ex art. 192, comma 3, c.p.p. - Illegittimità costituzionale parziale - Ill. cost. parziale [...]
Corrispondenza epistolare del detenuto – Non intercettabilità – Illegittimità costituzionale - Infondatezza Non sono fondate le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 266 del codice di procedura penale e degli artt. 18 (nel testo anteriore alle modifiche introdotte dall’art. 3, commi 2 e 3, della legge 8 aprile 2004, n. 95, recante «Nuove disposizioni in materia di visto [...]
Incompatibilità – Giudice dell’udienza preliminare Non è fondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 34, comma 2, c.p.p., sollevata, in riferimento agli artt. 3, 24 e 111 della Costituzione, dal Giudice dell’udienza preliminare del Tribunale ordinario di Napoli, nella parte in cui non prevede l’incompatibilità alla funzione di giudice dell’udienza preliminare del [...]
Custodia cautelare in carcere – Inapplicabilità ad imputati di gravi reati genitori di prole solo di età non superiore a sei anni – Illegittimità costituzionale – Infondatezza. Non sono fondate le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 275, comma 4, c.p.p., sollevate, in riferimento agli artt. 3, 13, 24, 31 e 111 della Costituzione, dal Tribunale ordinario di Roma, «nella [...]
Patteggiamento – esclusione art. 129 c.p.p. – motivazione – necessità – esclusione Nella motivazione della sentenza di applicazione pena il richiamo all'art. 129 c.p.p. è sufficiente a far ritenere che il giudice abbia verificato ed escluso la presenza di cause di proscioglimento, non occorrendo ulteriori e più analitiche disamine al riguardo. In caso di patteggiamento, la [...]
Appello del p.m. - sentenza di proscioglimento - valutazione della prova dichiarativa - rinnovazione dell'istruttoria dibattimentale Secondo le Sezioni Unite, se il pubblico ministero propone appello avverso una sentenza di proscioglimento emessa all'esito del giudizio abbreviato, per motivi relativi alla valutazione della prova dichiarativa ritenuta decisiva, il giudice di secondo grado, per [...]
Appello - sanzioni sostitutive - richiesta di applicazione - condizioni - limiti Le Sezioni Unite hanno stabilito che il giudice di secondo grado non può applicare le sanzioni sostitutive delle pene detentive brevi, se nell'atto di appello non è stata avanzata alcuna richiesta.
Impugnazioni – revisione – principio tassatività – sentenze dichiarative prescrizione – esclusione Poichè la revisione è un mezzo, ancorchè straordinario, di impugnazione, anche per essa vale il principio di tassatività di cui all'art. 568 c.p.p., comma 1. Ne consegue che, riguardando l'art. 629 c.p.p., soltanto le sentenze di condanna e tenuto conto delle complessive disposizioni [...]
Appello - riforma sentenza di assoluzione - diverso apprezzamento di prova dichiarativa decisiva - dichiarazione di perito e di consulente tecnico - rinnovazione dibattimentale – necessità – esclusione.   Secondo un consolidato orientamento, fondato sulla giurisprudenza della Corte dei diritti dell’uomo (Corte EDU, sez. III, 5 luglio 2011, Dan. C. Moldavia) il giudice di appello [...]
Libertà personale - mutual recognition - doppia incriminazione <<L’articolo 7, paragrafo 3, e l’articolo 9, paragrafo 1, lettera d), della decisione quadro 2008/909/GAI del Consiglio, del 27 novembre 2008, relativa all’applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle sentenze penali che irrogano pene detentive o misure privative della libertà personale, ai fini della [...]
Misure cautelari reali – sequestro preventivo finalizzato alla confisca – profitto del reato –– reati in contratto – profitto conseguito lecitamente – inattuabilità della confisca – impossibilità di adottare il sequestro preventivo. Il sequestro preventivo finalizzato alla confisca non può avere una portata applicativa più ampia rispetto alla misura ablatoria definitiva, [...]
Termini per appellare – malattia invalidante del difensore in prossimità della scadenza – rimessione nei termini – esclusione In tema di restituzione nel termine, l'impedimento assoluto del difensore è invocabile quale causa di forza maggiore ai sensi dell'art. 175 c.p.p., laddove esso abbia inciso sulla presentazione dell'impugnazione di una sentenza, in quanto la complessità e la [...]
Misure cautelari reali – sentenza di condanna non definitiva – fumus delicti – impugnazione cautelare - inammissibilità. In tema di misure cautelari reali, il giudice della cautela non può, una volta intervenuta la sentenza di condanna non definitiva, pronunciarsi sulla sussistenza del fumus delicti accertato in sede di cognizione; conseguentemente è inammissibile l’impugnazione [...]
Misura di prevenzione patrimoniale - morte del soggetto pericoloso - beni suscettibili di confisca - condizioni - limiti Secondo le Sezioni Unite, nel caso di azione di prevenzione patrimoniale proseguita o esercitata dopo la morte del soggetto socialmente pericoloso, la confisca può riguardare anche i beni che erano nella disponibilità del de cuius, ma fittiziamente intestati o trasferiti a [...]

   N. 1/2017

FASCICOLO 1

pdf ico

EDITORIALE                                                                                                                                        ita/eng

La giustizia penale tra riforme annunciate e riforme sperate - S. Lorusso

 

SCENARI

Novità legislative interneC. Pansini

Novità sovranazionali - V. Vasta - F. Manfredini

De jure condendo - L. Pulito

Corti europee - F. Trapella

Corte costituzionale - W. Nocerino

Sezioni Unite - P. Maggio

Decisioni in contrastoG. Bocellari

 

AVANGUARDIE IN GIURISPRUDENZA
Ne bis in idem e concorso formale di reati: la censura della Corte costituzionale. Corte Costituzionale, sentenza 21 luglio 2016, n. 200 – Pres. Grossi; Rel. Lattanzi

Il ‘fatto’ ai fini del ne bis in idem tra legge italiana e Cedu: la Corte costituzionale alla ricerca di un difficile equilibrio - B. Lavarini

Circoscritti i confini della “quasi flagranza”: a integrarla non valgono le informazioni fornite nell’immediatezza. Corte di Cassazione, Sezioni Unite, sentenza 21 settembre 2016, n. 39131– Pres. Marasca; Rel. Vecchio

L’arresto nella “quasi flagranza” è legittimo solo se l’inseguitore ha avuto diretta percezione dei fatti - L. Filippi

La competenza sull’impignorabilità dei beni sottoposti a sequestro conservativo spetta al giudice penale. Corte di Cassazione, Sezione Unite, 16 settembre 2016, n. 38670 – Pres. Canzio; Rel. Vessichelli

L’impignorabilità del bene tra procedimento penale ed esecuzione civile: le linee guida delle Sezioni Unite - T. Alesci

La Suprema corte sulla disciplina dell’archiviazione per particolare tenuità del fatto, di cui all’art. 411, comma 1-bis, c.p.p. Corte di Cassazione, Sezione V, sentenza 7 luglio 2016, n. 36857 – Pres. Fumo; Rel. Scarlini

Sull’archiviazione per particolare tenuità del fattoE.A.A. Dei-Cas

Messa alla prova dell’imputato adulto: l’ordinanza di rigetto della richiesta è impugnabile solo con la sentenza di primo grado Corte di Cassazione, Sezioni Unite, sentenza 31 marzo 2016, n. 33216 – Pres. Canzio; Rel. Fidelbo

Scelte funamboliche sulle forme di controllo relative al diniego di messa alla prova per l’imputato adultoC. Pansini

 

DIBATTITI TRA NORME E PRASSI

Il regolamento attuativo della banca dati nazionale del DNA: nuove garanzie e preesistenti vuoti di tutela - C. Fanuele

Per uno spazio giuridico europeo irrobustito dai diritti processuali: mandato di arresto europeo e reciproco riconoscimento delle decisioni in absentiaS. Arasi

La rinnovazione della prova decisiva dinanzi al giudice deputato a definire il giudizioG. Della Monica

 

ANALISI E PROSPETTIVE

La perdita di efficacia della misura nella disciplina dei mezzi di controllo cautelareD. Vigoni

La prova informatica transnazionale: un difficile “connubio” fra innovazione e tradizioneF. Siracusano

Il perimetro applicativo della legge Balduzzi: aperture giurisprudenziali vs. restrizioni normative?C. Cupelli

 

INDICI
indici