colamussi

home / Novità / corte di cassazione - sezioni semplici / procedimenti speciali / Cass., sez. V, 27 novembre ..

27/11/2019
Cass., sez. V, 27 novembre 2019, n. 48258


argomento: corte di cassazione - sezioni semplici - procedimenti speciali

» visualizza: il documento scarica file

PAROLE CHIAVE: messa alla prova per adulti - programma di trattamento - motivazione


COMMENTO

Qualora il giudice, nel disporre la sospensione del procedimento penale con messa alla prova, si limiti a recepire il programma di trattamento, l’onere motivazionale su di lui incombente può intendersi soddisfatto anche attraverso un semplice richiamo alla congruità del programma, trattandosi di un programma elaborato dall’UEPE di intesa con l’imputato e, dunque, conosciuto e condiviso da quest’ultimo. Qualora, invece, il giudice non si limiti a recepire il contenuto del programma ma lo integri (ad esempio fissando la durata del lavoro di pubblica utilità, non determinata nel programma), deve fornire una motivazione che non può limitarsi ad un semplice richiamo al programma stesso o, genericamente, ai parametri dell’art. 133 c.p., ma deve dare conto delle ragioni delle scelte operate in relazione alle peculiarità del caso concreto.



indietro

  • Giappichelli Social