La fragilità della persona nel processo penale

home / Archivio / Fascicolo / La disciplina per l'esecuzione delle pene nei confronti dei condannati minorenni tra buoni ..

indietro stampa articolo indice leggi articolo leggi fascicolo


La disciplina per l'esecuzione delle pene nei confronti dei condannati minorenni tra buoni propositi e innegabili criticità

di Francesca Tribisonna

Il contributo analizza le novità introdotte con il d.lgs. 2 ottobre 2018, n. 121, che risponde alla necessità di disporre di un ordinamento penitenziario minorile, attento alle esigenze dei giovani condannati e teso alla valorizzazione del loro percorso educativo e di inserimento sociale. L’Autore si sofferma però anche su alcuni profili di criticità legati ad una parziale attuazione della delega contenuta nella riforma Orlando e a possibili dubbi di legittimità costituzionale.

PAROLE CHIAVE: esecuzione della pena - ordinamento penitenziario - minorenni

The discipline for the execution of the sentences against the condemned minors between good intentions and undeniable critical issues

The essay analyzes the innovations introduced by Legislative Decree 2 October 2018, n. 121. This provision intends to govern a Juvenile Penitentiary System, attentive to the needs of the young condemned and aimed to enhance their (re-)educational path. The Author also focuses on some critical issues: the non-complete implementation of the Orlando reform and the constitutionality of some legal profile of the provision.

Sommario:

Lo spirito della riforma - L’(imperfetta) attuazione della delega contenuta nella riforma Orlando - Dal principio di sussidiarietà al finalismo educativo passando per la giustizia riparativa - Le misure penali di comunità: diverso nomen iuris per le misure alternative o reale novità? - Criteri comuni e modalità esecutive delle misure penali di comunità - Uno sguardo d’insieme alle varie misure penali di comunità - Ombre e luci di una disciplina dell’esecuzione penale “specializzata” - Quale extrema ratio, l’accesso in Istituto penale per i minorenni: intervento educativo e organizzazione della vita detentiva - NOTE


Lo spirito della riforma

Con il d.lgs. 2 ottobre 2018, n. 121 [1] ha visto la luce la riforma dell’ordinamento penitenziario minorile. Più che di una riforma in senso stretto - che è termine con cui si allude alla modificazione di un assetto preesistente - sembra più opportuno parlare di una vera e propria novella, che, per la prima volta nel tessuto normativo interno, ha introdotto un corpus di previsioni atte a regolamentare la materia dell’ese­cu­zione delle pene nei confronti dei condannati minorenni, finora sguarnita di una legislazione ad hoc. Sul punto, deve osservarsi come l’opera del legislatore sia intervenuta a colmare una lacuna che per­durava da oltre quarant’anni [2], poiché l’unica previsione in materia era quella posta tra le disposizioni transitorie e finali della l. 26 luglio 1975, n. 354, il cui art. 79, comma 1, stabiliva che le norme dell’or­dinamento penitenziario dettate per gli adulti «[...] si applicano anche nei confronti dei minori degli anni diciotto sottoposti a misure penali fino a quando non sarà provveduto con apposita legge». Una normativa che, sopravvissuta ad alcune questioni di legittimità costituzionale [3], aveva però tradito sin da subito la totale inadeguatezza a regolamentare un settore tanto delicato quale l’esecuzione penitenziaria del minorenne e che, in verità, nemmeno ne aveva avuto la pretesa, [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


L’(imperfetta) attuazione della delega contenuta nella riforma Orlando

Il d.lgs. n. 121 del 2018 attua la delega contenuta nella l. 23 giugno 2017, n. 103, recante “Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all’ordinamento penitenziario” [19], di cui recepisce le disposizioni contenute all’art. 1, commi 81, 83 e 85, lett. p), e si occupa della riforma relativa all’esecuzione delle pene nei confronti dei condannati minorenni. Come si legge nella Relazione Tecnica allo schema di decreto legislativo, per comprendere l’esigenza sottesa all’intervento legislativo in esame, doveva comunque essere «richiamato l’assetto dell’ordinamento penitenziario dettato per gli adulti, che pur basandosi sui principi di legalità e di tutela giurisdizionale delle posizioni soggettive, del rispetto del principio di umanità della pena, della separazione dei detenuti e della tutela dei diritti compatibili con lo stato di detenzione, è pur sempre destinato a soggetti adulti e mal si concilia nella sostanza con le finalità e gli istituti dettati per i minorenni». Dunque, pur senza sconfessare il passato, uno sguardo al futuro reclamava una precipua attenzione per le specificità della condizione minorile, volta a dotare il sistema di una materia autonoma - ma, come si dirà, non del tutto autosufficiente - e capace di scongiurare quel pericolo di disparità interpretative e trattamentali che inevitabilmente conseguiva [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


Dal principio di sussidiarietà al finalismo educativo passando per la giustizia riparativa

Analogamente a quanto accade con la normativa che disciplina il procedimento penale a carico degli imputati minorenni - ossia il d.p.r. n. 448 del 1988, il cui art. 1, significativamente rubricato “Principi generali del processo minorile”, statuisce l’operatività delle disposizioni contenute nel decreto e, «per quanto da esse non previsto», la ricorribilità alle previsioni del codice di rito penale- anche il decreto di recente conio  si apre con un Capo I rubricato “Disposizioni generali”, che regolamenta il c.d. “principio di sussidiarietà” o “principio di specialità” [26]. In particolare, si prevede che «nel procedimento per l’esecuzione della pena detentiva e delle misure penali di comunità a carico di minorenni, nonché per l’applicazione di queste ultime, si osservano le disposizioni del presente decreto e, per quanto da esse non previsto, quelle del codice di procedura penale, della l. 26 luglio 1975, n. 354, del relativo regolamento di attuazione di cui al d.p.r. 30 giugno 2000, n. 230, e del d.p.r. 22 settembre 1988, n. 448, e relative norme di attuazione, di coordinamento e transitorie approvate con d.lgs. 28 luglio 1989, n. 272». Com’è evidente, si tratta di una disposizione posta a raccordo tra la disciplina sull’esecuzione penale minorile così come introdotta con la normativa in commento e le [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


Le misure penali di comunità: diverso nomen iuris per le misure alternative o reale novità?

Il decreto legislativo in commento introduce, al Capo II, le c.d. “misure penali di comunità”; misure che, previste ad esclusivo vantaggio dei condannati minori d’età e dei giovani adulti, intendono rispondere alla logica del trattamento differenziato e della carcerazione quale extrema ratio. Se particolarmente felice sembra essere la nomenclatura prescelta dal legislatore per riferirsi, in definitiva, a quelle misure che - ad eccezione dell’affidamento in prova con detenzione domiciliare - già erano conosciute nel nostro sistema penitenziario come alternative alla detenzione, resta da capire se alla novità formale - e, dunque, al diverso nomen iuris - si sia accompagnata anche una novità sostanziale. Come accennato, piuttosto apprezzata è risultata la scelta di riferirsi alle misure minorili extra moenia con la locuzione di “misure di comunità”. Così come precisato nella Relazione illustrativa, lo scopo è quello di «sottolineare l’opzione di sistema e la prospettiva verso cui tendere», valorizzando «anche un ulteriore aspetto, e cioè il coinvolgimento diretto ed immediato della collettività nel processo di recupero e reinserimento sociale del minorenne» [36]. In tal senso, del tutto condivisibile appare anche la preferenza per il termine “comunità” e non [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


Criteri comuni e modalità esecutive delle misure penali di comunità

Nonostante le rilevate criticità, restano innegabili gli aspetti positivi di una disciplina, che - fos­s’an­che il primo tassello di un più ampio percorso - coglie nel segno laddove, nel disciplinare le misure alternative, oggi “misure di comunità”, le arricchisce di prescrizioni specializzanti, rendendole o­peranti solo laddove non vi sia un fondato pericolo che il condannato si sottragga all’esecuzione o commetta altri reati, ma soprattutto quando, ai sensi dell’art. 2, esse risultino in concreto idonee a favorire l’evolu­zione positiva della personalità e un proficuo percorso educativo e di recupero del minore. Peraltro, parallelamente a quanto accade in seno al procedimento penale minorile - in cui la valutazione della personalità del minore operata ai sensi dell’art. 9 d.p.r. n. 448 del 1988 costituisce la base su cui fondare la costruzione di un percorso giudiziario il più possibile parametrato alle esigenze e alle peculiarità soggettive dell’imputato minorenne [48] - così l’osservazione e la valutazione della personalità del minorenne, delle condizioni di salute psico-fisica, dell’età e del grado di maturità, del contesto di vita e di ogni altro elemento utile rappresentano anche in sede di esecuzione il fondamento conoscitivo da porre a base della decisione del tribunale di sorveglianza [49]. Il [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


Uno sguardo d’insieme alle varie misure penali di comunità

Come si legge nella Relazione Illustrativa, la disciplina dell’affidamento in prova è ritenuta la misura che «più di ogni altra è in grado di soddisfare le istanze educative del condannato minorenne e giovane adulto, alla luce anche del criterio di delega di cui al n. 5 della lett. p) dell’art. 1, comma 85, l. n. 103 del 2017, atteso il suo prevalente carattere pedagogico e i ridotti contenuti afflittivi». La sua collocazione al primo posto tra le misure di comunità, d’altro canto, tradisce la volontà del legislatore di puntare sulla stessa quale migliore alternativa alla detenzione carceraria [51]. L’art. 4 descrive i presupposti di applicabilità della misura, concedibile qualora la pena da eseguire - da ritenersi sempre quale pena inflitta in concreto o residua di maggior pena - non superi i quattro anni di reclusione, in ciò modificandosi quanto statuito nello schema di decreto, che inizialmente prevedeva il più congruo termine di sei anni e così, di fatto, recuperandosi i medesimi limiti oggi previsti per l’adulto [52]. Analogamente a quanto accade per i condannati adulti, che però vengono affidati ai servizi sociali dell’ufficio di esecuzione penale esterna, tale misura contempla l’affidamento all’ufficio di servizio sociale per i minorenni per lo svolgimento di uno specifico programma di intervento educativo elaborato in [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


Ombre e luci di una disciplina dell’esecuzione penale “specializzata”

Il Capo III del decreto legislativo in questione si occupa della “Disciplina dell’esecuzione”, cui dedica gli artt. 9-13. Esso si apre con l’art. 9 che, nel modificare la previsione di cui all’art. 24, comma 1, primo periodo, d.lgs. n. 272 del 1989, estende la disciplina dell’esecuzione già prevista per le sole misure alternative anche alle neo introdotte misure penali di comunità. Si stabilisce, inoltre, che le modalità esecutive previste per i minorenni si applichino anche a chi, nel corso dell’esecuzione, abbia compiuto il diciottesimo ma non il venticinquesimo anno d’età salvo che non ricorrano particolari ragioni di sicurezza e tenuto conto, altresì, delle specifiche finalità rieducative e del fatto che le stesse non siano in alcun modo perseguibili a causa della mancata adesione al trattamento in atto. Con la modifica in discorso, dunque, si amplia la discrezionalità concessa al giudice competente che potrà valutare la modalità ritenuta più consona al caso concreto, derogando all’applicazione delle previsioni specificamente pensate per la condizione minorile, non solo al compimento del ventunesimo anno d’età, come avveniva prima della riforma, ma sempre al compimento della maggiore età. Inoltre, il giudizio non dovrà più tener conto solo della sussistenza di generiche finalità rieducative, ma anche del [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


Quale extrema ratio, l’accesso in Istituto penale per i minorenni: intervento educativo e organizzazione della vita detentiva

L’ultima parte del decreto legislativo in discorso, ossia il Capo IV, si occupa di regolamentare l’intervento educativo e l’organizzazione degli istituti penali per i minorenni; una sezione che, stando alla ratio della novella, sarebbe dovuta essere residuale, così come residuale si è sempre inteso il ricorso alla detenzione carceraria. Ciò nonostante, deve prendersi atto di come il decreto abbia destinato uno spazio assai rilevante alla relativa disciplina, probabilmente motivato dalla necessità di garantire una normativa di dettaglio proprio per quelle situazioni più complesse, che - rappresentando la riprova del fallimento del sistema, dimostratosi incapace di consentire l’accesso a modalità di espiazione della pena meno afflittive - meritano ancor più l’attenzione del legislatore nostrano. Un’attenzione dovuta anche in considerazione del fatto che - già con la modifica dell’art. 24 d.lgs. n. 272 del 1989 [62] - le regole sull’e­secuzione dei provvedimenti limitativi della libertà personale si erano estese ai soggetti infraventicinquenni, riscontrandosi il frequente accesso negli istituti penali di soggetti sempre più grandi di età. E allora, è del tutto evidente che proporzionalmente con l’età dei detenuti, crescono le possibili problematiche connesse al trattamento penitenziario di una popolazione [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social