covid19

home / Archivio / Fascicolo / Novità sovranazionali

indietro stampa articolo indice leggi articolo leggi fascicolo


Novità sovranazionali

di Elena Zanetti

Il comitato dei ministri del consiglio d’europa aggiorna le regole penitenziarie europee

Con l’adozione della Raccomandazione R (2006)2-rev (consultabile nel sito del Consiglio d’Europa all’indirizzo: https://www.coe.int), avvenuta nel corso della 1380ª riunione dei Ministri, svoltasi a Strasburgo il 1° luglio 2020, il Consiglio d’Europa ha operato una nuova revisione delle Regole penitenziarie europee, punto di riferimento per la legislazione interna e le buone prassi degli Stati membri in materia di amministrazione penitenziaria, cui forniscono criteri minimi e principi comuni relativi a molteplici aspetti, quali il trattamento dei detenuti, la formazione del personale e la gestione degli istituti penitenziari.

Istituite nel 1987, ai sensi dell’art. 15.b dello Statuto del Consiglio d’Europa, grazie alla Raccomandazione R (87)3 - evoluzione delle Regole minime per il trattamento dei detenuti approvate nel gennaio 1973 dal Comitato dei ministri - le Regole erano state oggetto già nel 2006 di una radicale operazione di aggiornamento, sollecitata dai progressi registrati in ambito europeo sul versante «della politica penale e della gestione degli istituti penitenziari» e dalla necessità di adeguarle agli standard delle ulteriori Raccomandazioni messe a punto dal Consiglio d’Europa in materia (quali, ad esempio, le Raccomandazioni: R (89)12 sull’istruzione in carcere; R (93)6 riguardante aspetti criminologici e penitenziari del controllo di malattie infettive incluso l’AIDS e relativi problemi di salute in carcere; R (97)12 sul personale incaricato dell’applicazione di sanzioni e misure; R (98)7 riguardante gli aspetti etici e organizzativi dell’assistenza sanitaria in carcere; R (99)22 riguardante il sovraffollamento in carcere e l’inflazione della popolazione detenuta; R (2003)22 sulla liberazione condizionale (parole); R (2003)23 sulla gestione da parte delle amministrazioni penitenziarie dei detenuti condannati all’ergastolo e di altri detenuti con pene a lungo termine). In tale occasione, la portata degli aggiornamenti ritenuti necessari aveva indotto a sostituire in toto la Raccomandazione R(87)3 con un nuovo testo più coerente con «gli importanti cambiamenti sociali» e «i significativi sviluppi in campo penale» verificatisi negli [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social