scalfati

home / Archivio / Fascicolo / Corte di giustizia UE

indietro stampa articolo indice leggi articolo leggi fascicolo


Corte di giustizia UE

di Francesca Dri e Elisa Grisonich

Le conclusioni dell’Avvocato generale sulle garanzie del ricercato, tra direttiva 2012/13/UE e decisione quadro 2002/584/GAI

(Conclusioni dell’Avvocato generale Priit Pikamäe, presentate il 30 settembre 2020, causa C-649/19) di Elisa Grisonich

Nelle conclusioni in commento, presentate nella causa C-649/19, l’Avvocato generale Priit Pikamäe ha espresso il suo parere sulla portata ratione personae di alcune garanzie procedurali sancite dalla direttiva 2012/13/UE sul diritto all’informazione nei procedimenti penali, rispetto ai soggetti sottoposti a una procedura di consegna nell’ambito dell’esecuzione di un m.a.e., nonché sulla stessa validità della decisione quadro 2002/584/GAI in relazione agli artt. 6 e 47 Carta di Nizza.

La causa, in particolare, traeva origine da un rinvio pregiudiziale formulato dallo Spetsializiran nakazatelen sad (Tribunale speciale per i procedimenti penali, Bulgaria), il quale, dopo aver emesso un m.a.e. processuale, decideva di disporne l’annullamento in ragione dei dubbi nutriti sulla sua conformità al diritto UE. Al fine di poter emettere un nuovo euro-mandato, il giudice del rinvio riteneva necessario sospendere il procedimento principale e prospettare alla Corte di Giustizia quattro questioni pregiudiziali, ridotte a due secondo la riformulazione operata dall’Avvocato generale.

Più specificamente, il primo quesito attiene all’applicabilità degli artt. 4, § 3, 6, § 2 e 7, § 1 direttiva 2012/13/UE ai ricercati nel contesto di un procedimento di esecuzione di un mandato di arresto europeo. Com’è noto, l’art. 4 disciplina la cosiddetta letter of rights da fornire all’accusato in vinculis, la quale, ai sensi del § 3, deve contenere «informazioni su qualsiasi possibilità prevista dal diritto nazionale di contestare la legittimità dell’arresto, ottenere un riesame della detenzione o presentare una domanda di libertà provvisoria». L’art. 6, § 2 della direttiva in esame sancisce, invece, l’obbligo di informare la persona privata della libertà personale sia dei motivi dell’arresto o della detenzione, sia del reato contestato. Da ultimo, l’art. 7, § 1 dello stesso atto impone di mettere a [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social