covid19

home / Archivio / Fascicolo / Sospensione condizionale della pena in appello: quale rimedio all´inerzia del giudice?

indietro stampa articolo indice fascicolo articolo


Sospensione condizionale della pena in appello: quale rimedio all´inerzia del giudice?

di Francesco Peroni

Il saggio affronta il tema del potere del giudice d’appello di applicare d’ufficio la sospensione condizionale della pena. In dissenso dalle Sezioni Unite della Corte di cassazione - secondo le quali il giudice d’appello, qualora non ritenga di applicare il beneficio, è tenuto a motivare al riguardo, senza però che l’interessato possa dolersene in cassazione - l’Autore qualifica la fattispecie come ipotesi di erronea applicazione della legge penale, deducibile in cassazione ai sensi dell’art. 606, comma 1, lett. b), c.p.p.

Suspended sentence in appeal trial: what remedy to the inaction of the court of appeal?

The essay deals with the power of the court of appeal to apply the suspended sentence of her own motion. In disagreement with the Joint Chambers of the Court of Cassation - according to which the court of appeal, if does not consider to apply the benefit, is obliged to motivate in this regard, without however the interested party can be appeal by cassation - the Author qualifies the case as incorrect application of the criminal law, deductible in cassation pursuant to art. 606, paragraph 1, lett. b), c.p.p.

Sommario:

Premessa - Il contrasto - La soluzione delle Sezioni Unite - L'inerzia del giudice d'appello: motivazione mancante o decisione assente? - NOTE


Premessa

Apparentemente confinata in un ambito normativo topograficamente angusto, la questione affrontata e risolta dalle Sezioni Unite mostra, a ben vedere, addentellati concettuali di ben maggiore respiro. Da un lato, infatti, viene in rilievo la fisionomia devolutiva del procedimento di appello, solo in parte riprodotta dal codificatore del 1988 sulla falsariga del precedente impianto normativo; dall’altro, si tratta di motivazione del giudizio, in relazione al dispositivo sanzionatorio, con quanto ciò comporta in termini di vincoli sovraordinati. In siffatta cornice, perno del percorso argomentativo del Supremo Collegio è il dettato dell’art. 597, comma 5, c.p.p., nella parte in cui attribuisce al giudice di seconde cure la potestà di provvedere d’ufficio, in deroga ai limiti devolutivi dell’appello, su distinti profili, tra i quali l’eventuale applicazione della sospensione condizionale della pena. In particolare, ci s’interroga sull’obbligo di motivare in ordine al non esercizio dell’anzidetta potestà: aspetto, questo, non regolato dalla disposizione in esame, silente sul punto. Converrà ricordare, invero, come il corrispondente art. 515 c.p.p. 1930, nel definire i limiti devolutivi dell’appello, nulla prevedesse circa l’autonomia del secondo giudice nell’applicare benefici. Ne era derivata una contrapposizione di schieramenti in giurisprudenza [1], cui aveva fatto da [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


Il contrasto

Giova anzitutto ricostruire i termini precisi del contrasto giurisprudenziale, sottoposto alla sintesi delle Sezioni Unite. Secondo un primo e prevalente indirizzo, il potere di applicare ex officio i benefici, attribuito al giudice d’appello dall’art. 597, comma 5, c.p.p., costituirebbe deroga eccezionale alla fisionomia devolutiva del gravame, con la duplice conseguenza che: da un lato, l’omesso esercizio della prerogativa non sia censurabile in cassazione; dall’altro, non sussista alcun obbligo di motivazione al riguardo, salvo che l’interes­sato abbia avanzato specifica richiesta nei motivi d’impugnazione o nel corso del giudizio di secondo grado [4]. S’insiste, in questa prospettiva, sulla natura discrezionale del potere in parola: connotato dal quale discenderebbero, per l’appunto, tanto la facoltà di non esercitarlo, quanto il simmetrico “non obbligo” di motivazione sul relativo mancato esercizio. Presupposto dell’itinerario argomentativo in parola è l’assunto in base al quale il giudice d’appello è tenuto a motivare solamente in rapporto a quanto dedotto con il gravame, ovvero, quando si tratti di applicazione ufficiosa di benefici, pure in sede di discussione [5]: e si puntualizza, peraltro, che l’iniziativa dell’interessato non può limitarsi a formulazioni generiche, dovendo invece poggiare su «dati di fatto [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


La soluzione delle Sezioni Unite

La soluzione fatta propria dalle Sezioni Unite mostra di non ignorare l’intimo nesso tra obbligo di motivazione e controllo sulla decisione [9]: e, tuttavia, con riferimento specifico alle prerogative di cui all’art. 597, comma 5, c.p.p., giunge a disarticolarne ogni connessione. All’esordio del proprio percorso argomentativo, il Supremo Collegio riconosce - correttamente - che l’esercizio, in positivo o in negativo, del potere di cui si tratta è tipica espressione di discrezionalità vincolata [10]: libero dunque il giudice di apprezzarne i presupposti, ma tenuto ad accordare il beneficio ove gli stessi risultino accertati al­l’esito della sua delibazione. E poiché, d’altro canto, la potestà in parola è configurata come ufficiosa, si precisa altresì che la connessa iniziativa, presenti i requisiti di legge, s’impone al giudice, a prescindere da un impulso di parte. Ancora: corollario della concettualizzazione così elaborata è, nel tenore del principio di diritto enunciato, «il dovere del giudice di appello di motivare il mancato esercizio del suo potere di ufficio di applicare il beneficio della sospensione condizionale della pena, in presenza delle condizioni che ne consentono il riconoscimento». Ed è a questo snodo del proprio itinerario argomentativo che la Cassazione affronta il quesito cruciale della controversa [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


L'inerzia del giudice d'appello: motivazione mancante o decisione assente?

Ora, proprio dall’affermata “non censurabilità” dell’omesso esercizio del potere ex art. 597, comma 5, c.p.p. occorre, a nostro avviso, muovere, nella direzione di un ulteriore scandaglio concettuale. A tal fine, giova nuovamente ricostruire gli esatti confini della fattispecie controversa: si tratta, in particolare, del caso in cui il giudice di seconda istanza, in assenza di qualsiasi sollecitazione in proposito, si astenga, sic et simpliciter, dall’esprimersi in punto di benefici applicabili ex officio. Esula per contro da ogni incertezza la diversa ipotesi in cui la condotta omissiva del giudice segua alla richiesta variamente avanzata da una delle parti. E invero, mentre in quest’ultima evenienza, è pacifica la legittimazione dell’interessato a dolersi in cassazione dell’inerzia del giudice d’appello, controversa è la casistica nella quale il deficit d’iniziativa ufficiosa non risulti preceduto da un impulso di parte. Ed è in quest’ultimo scenario, come si è constatato, che la giurisprudenza si divide: con posizioni che, peraltro, si sviluppano entro il comune perimetro della patologia della motivazione. Ebbene, proprio l’individuazione di quest’area concettuale come quella pertinente alla questione ci pare non priva di punti di debolezza. A ben vedere, infatti, la contrapposizione giurisprudenziale, polarizzandosi [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social