Questo sito utilizza cookie per fini operativi e statistici, come descritto nella nostra Informativa sui cookie e su tecnologie analoghe. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze, visitare la nosta pagina sull uso dei cookie. Chiudendo questo banner, restando su questa pagina, o cliccando su qualsiasi elemento si acconsente al nostro utilizzo dei cookie. Per saperne di più

processo penale e giustizia

direzione di Adolfo Scalfati

biblioteca univ bologna

melk abbey austria (1)

photo (1)

oxford univ library

photo (2)

photo

Misure cautelari – riesame – istanza di differimento udienza – poteri del giudice Il Tribunale del riesame non può sindacare la “qualità” dei motivi posti a fondamento della richiesta di differimento dell’udienza ex art. 309, comma 9 bis, c.p.p., il giudicante deve solo dare atto della esistenza di giustificati motivi e della loro “non pretestuosità”. L’unico ambito di [...]
Misura interdittiva - appello - dichiarazione di inammissibilità - sopravvenuta revoca della misura - limiti L’appello avverso una misura interdittiva, che nelle more sia stata revocata a seguito delle condotte riparatorie ex art. 17 D. Lgs. 231/2001, poste in essere dalla società indagata, non può essere dichiarato inammissibile de plano, secondo la procedura prevista dall’art. 127, [...]
Sorveglianza speciale - violazione - attualità e persistenza - rivalutazione - necessità - condizioni Nei confronti di un soggetto destinatario di una misura di sorveglianza speciale,  la cui esecuzione sia stata sospesa per effetto di una detenzione di lunga durata, in assenza di  di una rivalutazione  dell'attualità e persistenza della sua pericolosità sociale ad opera del [...]
Esecuzione delle pene - Pluralità di condanne definitive concernenti distinte frazioni del medesimo reato permanente - Omessa previsione del potere del giudice dell'esecuzione di rideterminare una pena unica - Manifesta infondatezza.  Sono manifestamente infondate le questioni di legittimità costituzionale dell'art. 671 c.p.p., sollevate in riferimento agli artt. 3 e 24 Cost., nella parte [...]
Esecuzione e trattamento carcerario - Regime intramurario speciale (cd. "carcere duro") - Diritto alla salute e detenzione Contrasta con l'art. 3 Cedu il mantenimento di un detenuto in un regime intramurario speciale - come quello previsto dall'art. 41-bis Ord. penit., caratterizzato da maggiori restrizioni di quelle normalmente previste - laddove egli versi in condizioni di salute deteriori, [...]
Revisione - sentenza dichiarativa dell'estinzione del reato per prescrizione - condanna al risarcimento del danno - ammissibilità Le Sezioni Unite hanno stabilito che è ammissibile la revisione della sentenza dichiarativa dell'estinzione del reato per prescrizione che, decidendo anche sull'impugnazione ai soli effetti delle disposizioni e dei capi concernenti gli interessi civili, condanni [...]
Cognizione del giudice d'appello - sospensione condizionale della pena - applicabilità- condizioni Secondo le Sezioni Unite, fermo restando il dovere di motivazione del giudice, l'imputato non può dolersi della mancata applicazione della sospensione condizionale della pena, qualora non l'abbia richiesta nel giudizio di appello.
Riforma dell'ordinamento penitenziario in materia di vita detentiva e lavoro penitenziario, in attuazione della delega di cui all'articolo 1, commi 82, 83 e 85, lettere g), h) e r), della legge 23 giugno 2017, n. 103. (18G00150) (GU n.250 del 26-10-2018 - Suppl. Ordinario n. 50) APRI PDF
Riforma dell'ordinamento penitenziario, in attuazione della delega di cui all'articolo 1, commi 82, 83 e 85, lettere a), d), i), l), m), o), r), t) e u), della legge 23 giugno 2017, n. 103. (18G00149) (GU n.250 del 26-10-2018 - Suppl. Ordinario n. 50) APRI PDF  
Disposizioni per la revisione della disciplina del casellario giudiziale, in attuazione della delega di cui all'articolo 1, commi 18 e 19, della legge 23 giugno 2017, n. 103. (18G00148) (GU n.250 del 26-10-2018 - Suppl. Ordinario n. 50) APRI PDF  
Disciplina dell'esecuzione delle pene nei confronti dei condannati minorenni, in attuazione della delega di cui all'articolo 1, commi 81, 83 e 85, lettera p), della legge 23 giugno 2017, n. 103. (18G00147) (GU n.250 del 26-10-2018 - Suppl. Ordinario n. 50)  APRI PDF  
Disposizioni per armonizzare la disciplina delle spese di giustizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, in materia di spese per le prestazioni obbligatorie e funzionali alle operazioni di intercettazione, in attuazione dell'articolo 1, comma 91, della legge 23 giugno 2017, n. 103. (18G00146) (GU n.250 del 26-10-2018 - Suppl. Ordinario n. 50) APRI PDF
Difensore – sostituto – conferimento incarico oralmente - ammissibilità Il difensore titolare può farsi sostituire per l’udienza, o per l’atto processuale da compiere, conferendo incarico anche solo orale al difensore sostituto, senza essere necessariamente ivi presente, e senza altro onere diverso dalla formale dichiarazione (davanti al giudice e raccolta a verbale) del conferitario [...]
Ordinamento penitenziario - Detenuti sottoposti al regime speciale di detenzione - Impossibilità di cuocere cibi - Illegittimità costituzionale parziale È costituzionalmente illegittimo l’art. 41-bis, comma 2-quater, lettera f), della legge 26 luglio 1975, n. 354 (Norme sull’ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà), come modificato [...]
Misure cautelari reali - mancata proposizione del riesame  - revoca per mancanza delle condizioni di applicabilità La mancata tempestiva proposizione, da parte dell'interessato, della richiesta di riesame avverso il provvedimento applicativo di una misura cautelare reale non ne preclude la revoca per la mancanza delle condizioni di applicabilità, neanche in assenza di fatti [...]
Impugnazioni – divieto di reformatio in peius – misura di sicurezza – vizio parziale di mente Non viola il divieto della “reformatio in peius” il giudice di appello che, riformando la sentenza di condanna del primo giudice impugnata dall’imputato, applichi la misura di sicurezza, prevista dalla legge come conseguenza del riconoscimento della diminuente del vizio parziale di mente [...]
Estradizione – decisione favorevole – misure restrittive della libertà personale La decisione favorevole all’estradizione per l’estero non determina l’automatica applicazione di misure restrittive della libertà personale dell’estradando. APRI PDF
In data 27 settembre 2018, risulta assegnato alla Commissione Giustizia del Senato il d.d.l. S. 551, d’iniziativa del sen. Evangelista, recante “Abrogazione del divieto di reformatio in peius nel processo d'appello in caso di proposizione dell'impugnazione da parte del solo imputato”. Attualmente l’esame del testo non è ancora iniziato. APRI PDF
Il 13 settembre 2018 è stato assegnato alla Commissione Giustizia della Camera dei Deputati la proposta di legge C. 541, d’iniziativa dell’on. Bruno Bossio ed altri, recante “Modifiche al codice penale e al codice di procedura penale e altre disposizioni in materia di protezione dei minori i cui genitori siano tratti in arresto o sottoposti a pene detentive o a misure cautelari restrittive [...]
Giudizio di rinvio – giudice civile – prova inutilizzabile – accertamento penale Il giudizio di rinvio avanti al giudice civile a seguito di sentenza resa dalla Corte di cassazione in sede penale ai sensi dell’art. 622 c.p.p., costituisce uno sviluppo della decisione di annullamento, nei limiti della quale detto giudice è chiamato a compiere il riesame della controversia nei limiti [...]
Custodia cautelare – pena espiata senza titolo – fungibilità – indulto – ingiusta detenzione – riduzione d’ufficio del beneficio dell’indulto L’applicazione della disciplina della fungibilità per custodia cautelare o pena espiata senza titolo, ai sensi dell’art. 657, comma 3, c.p.p., postula l’esistenza di una pena da eseguire, quale non è la pena dichiarata estinta per [...]
Connessione tra procedimenti - competenza del giudice di pace e del Tribunale - sentenza di assoluzione per uno dei due reati- conseguenze- condizioni Le Sezioni Unite hanno stabilito che, nel caso di connessione tra procedimenti di competenza del giudice di pace e procedimenti di competenza del tribunale, quest'ultimo, con la sentenza con cui assolve l'imputato dal reato di sua competenza, deve [...]
Riqualificazione del fatto - competenza del giudice di pace - dichiarazione di incompetenza - condizioni Secondo le Sezioni Unite se, a seguito della riqualificazione, il fatto originariamente contestato appartiene alla competenza del giudice di pace, il giudice deve dichiarare la propria incompetenza per materia e disporre la trasmissione degli atti al p.m., salva l'ipotesi in cui la [...]
Libertà personale - Diritto al rispetto della vita privata e familiare - perquisizioni illegittime A mente dell'art. 8 Cedu, qualsivoglia ingerenza delle autorità pubbliche nella vita privata di un soggetto deve avvvenire in forza di una norma di legge attributiva del relativo potere: a tale scopo, occorre che il diritto interno non soltanto soddisfi i requisiti di "prevedibilità" ed [...]
Sequestro preventivo - confisca ex art. 12 sexies - reati presupposto - condizioni - limiti Il sequestro preventivo finalizzato alla confisca prevista dall'art. 12 sexies d.l. 8 giugno 1992, n. 306, convertito dalla l. n. 356 del 1992 ( attuale art. 240 bis c.p.) può essere disposto per uno dei reati dei reati presupposto anche nella forma del tentativo aggravato dall'art. 7 l. n. 203 del [...]
Provvedimento del giudice - imputazione coatta per reato diverso - ricorso per cassazione - legittimazione E' atto abnorme e quidni ricorribile per Cassazione, anche dalla persona sottoposta ad indagine, il provvedimento del giudice per le indagini preliminari che, non accogliendo la richiesta di archiviaizone, ordini, ai sensi dell'art. 409, comma 5 c.p.p.,  che il pubblico ministero [...]
Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 luglio 2018, n. 91, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative. (18G00134) (GU n.220 del 21-9-2018) APRI PDF
Norme di adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) n. 596/2014, relativo agli abusi di mercato e che abroga la direttiva 2003/6/CE e le direttive 2003/124/UE, 2003/125/CE e 2004/72/CE. (18G00130) (GU n.214 del 14-9-2018) APRI PDF  
Confisca – pena – art. 7 CEDU - sentenza declaratoria di prescrizione La confisca, pur essendo qualificabile come “pena” ai sensi dell’art. 7 CEDU, può essere disposta anche se essa non accede a un provvedimento di condanna, ove gli elementi di prova del reato siano evincibili dagli atti e il procedimento si sia concluso con una decisione di intervenuta prescrizione. APRI PDF
Perseguibilità a querela - disciplina transitoria - casi di applicabilità Le Sezioni Unite, intervenute sul regime transitorio in materia di perseguibilità a querela, hanno affermato i seguenti principi di diritto: - in presenza di un ricorso inammissibile non deve darsi alla persona offesa l’avviso previsto dall’art. 12 c.2 D.Lgs. 10 aprile 2018, n. 36 per l’eventuale esercizio [...]

corte di cassazione - sezioni semplici - procedimenti speciali

Corte edu, 27 settembre 2018, Brazzi c. Italia

Libertà personale - Diritto al rispetto della vita privata e familiare - perquisizioni illegittime

A mente dell'art. 8 Cedu, qualsivoglia ingerenza delle autorità pubbliche nella vita privata di un soggetto deve avvvenire in forza di una norma di legge attributiva del relativo potere: a tale scopo, occorre che il diritto interno non soltanto soddisfi i requisiti di "prevedibilità" ed "accessibilità", ma che garantisca, altresì, la sussistenza di effettive garanzie avverso il rischio di abusi o di arbitrarietà dell'atto intrusivo; tale parametro può essere soddisfatto qualora l'ordinamento preveda la possibilità di esperire un efficace controllo di carattere giurisdizionale, la cui adeguatezza dev'essere, in ogni caso, vagliata alla luce delle circostanze del caso concreto; qualora manchi un'autorizzazione giudiziaria ex ante, occorre incrementare le garanzie ex post [posta tale premessa, i Giudici europei hanno ravvisato una violazione della norma in esame, atteso che, nel caso di specie, la perquisizione era stata disposta con decreto del pubblico ministero; avendo l'atto avuto un esito negativo, l'organo dell'accusa aveva domandato ed ottenuto l'archiviazione, con la conseguente impossibilità per l'interessato di ottenere una qualsivoglia forma di controllo in ordine alla legittimità ed alla necessità dell'atto medesimo, atteso che, come è noto, il riesame può essere esperito unicamente nell'ipotesi in cui sia stato disposto conseguente sequestro].

APRI PDF