Questo sito utilizza cookie per fini operativi e statistici, come descritto nella nostra Informativa sui cookie e su tecnologie analoghe. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze, visitare la nosta pagina sull uso dei cookie. Chiudendo questo banner, restando su questa pagina, o cliccando su qualsiasi elemento si acconsente al nostro utilizzo dei cookie. Per saperne di più

processo penale e giustizia

direzione di Adolfo Scalfati

biblioteca univ bologna

melk abbey austria (1)

photo (1)

oxford univ library

photo (2)

photo

Giudizio di rinvio - deposito ordinanza del Tribunale del Riesame - termini - decorrenza Nel giudizio di rinvio a seguito di annullamento dell'ordinanza che ha disposto o confermato la misura coercitiva, il tribunale del riesame non può disporre, nel caso di particolare complessità  della motivazione, il deposito della ordinanza in un termine non eccedente  il quarantecinquesimo [...]
Sequestro preventivo - sentenza - confisca - terzo proprietario del bene - restituzione - mezzi di impugnazione Il terzo, prima che la sentenza sia divenuta irrevocabile, può chiedere al giudice della cognizione la restituzione del bene sequestrato, e in caso di diniego, proporre appello dinanzi al tribunale del riesame. Qualora sia stata erroneamente proposta opposizione mediante incidente di [...]
Misure cautelari reali - richiesta di riesame - modalità di presentazione - cancelleria del Tribunale in cui si trovano le parti private o i difensori Le Sezioni Unite della Corte di cassazione, pronunciandosi in tema di impugnazioni di misure cautelari reali, hanno affermato il principio secondo cui la richiesta di riesame può essere presentata, oltre che presso la cancelleria del tribunale [...]
La sentenza in esame solleva un contrasto in ordine alla fattispecie, non contemplata dall’art. 35 ter ord. pen., dell’istanza riparatoria proposta dal detenuto che stia espiando la pena in stato di affidamento in prova. Secondo un primo orientamento il detenuto cui sia stato concesso l’affidamento in prova al servizio sociale ha a disposizione esclusivamente il rimedio riparatorio davanti [...]
Misure cautelari – revoca – sostituzione – avviso alla persona offesa – art. 299, commi 2 bis e 3, c.p.p. L’avviso alla persona offesa della revoca o della sostituzione della misura cautelare, previsto dall’art. 299, commi 2 bis e 3, c.p.p., è obbligatorio, in caso di reati con violenza sulla persona, solo quando vi è un concreto pericolo di intimidazione, ritorsione o [...]
Intercettazioni telefoniche – messagistica Blackberry – rogatoria internazioale In tema di intercettazioni telefoniche l’acquisizione del traffico telematico, costituito dalla messagistica scambiata mediante sistema protetto Blackberry (c.d. “pin to pin”), non necessita di rogatoria internazionale qualora le comunicazioni siano avvenute in Italia, a nulla rilevando che per decriptare [...]
Sentenza di non luogo a procedere – art. 425 c.p.p. – legge 103 del 2017 – entrata in vigore – impugnabilità – ricorso per cassazione. In difetto di una specifica disciplina intertemporale, le sentenze di non luogo a procedere, pronunciate ai sensi dell’art. 425 c.p.p., emesse prima dell’entrata in vigore delle norme di cui agli artt. 38,39 e 40 della legge n. 103 del 2017, [...]
Archiviazione – particolare tenuità del fatto – ricorso per cassazione – art. 409, comma 6, c.p.p. – iscrizione nel casellario giudiziario – provvedimento non definitivo – impugnazione – mancanza di interesse. Il provvedimento di archiviazione per particolare tenuità del fatto non è ricorribile per Cassazione, ad esclusione delle ipotesi previste dall’art. 409, comma 6, [...]
Il Comitato del Consiglio d’Europa per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti (CPT) ha adottato, nel novembre 2016, dopo un sopralluogo effettuato nel mese di aprile, un rapporto concernente il trattamento delle persone private, a vario titolo, della libertà personale da parte di un’autorità pubblica nello Stato italiano. Il Report (in lingua inglese) [...]
Archiviazione – particolare tenuità del fatto – assenza richiesta del P.M. – diritto di difesa – contraddittorio - lesione Il giudice per le indagini preliminari non può adottare il provvedimento di archiviazione per particolare tenuità del fatto in assenza di una specifica richiesta in tal senso del pubblico ministero; riconoscere al giudice tale facoltà comporterebbe infatti da un [...]
Impugnazioni - Cassazione - Beneficio della sospensione condizionale della pena - Richiesta al giudice di appello - Mancata concessione ed omessa motivazione del giudice sul punto - Annullamento con rinvio della sentenza . Nell’ipotesi in cui l’imputato abbia richiesto nell’atto di appello la concessione della sospensione condizionale della pena e il giudice di secondo grado non abbia [...]
Sequestro conservativo - riesame - annullamento - parte civile - legittimazione a proporre ricorso per Cassazione - condizioni - limiti Le Sezioni Unite hanno stabilito che, avverso l'ordinanza del tribunale del riesame che ha annullato il sequestro conservativo, la parte civile è legittimata a proporre ricorso per cassazione,esclusivamente nel caso di violazione del contraddittorio, [...]
Sentenza - Condanna - Danni - Spese relative all'azione civile - Giudizio di legittimità - Parte civile che non intervenga all'udienza pur avendo depositato memoria - Condanna dell'imputato al pagamento delle spese a favore della parte civile - Ammissibilità - Sussistenza La questione relativa alla liquidazione delle spese in favore della parte civile, che non sia intervenuta all’udienza [...]
Inutilizzabilità – accertamento identità indagato – DNA Non è inutilizzabile, in mancanza della violazione di un divieto di legge, l’accertamento sull’identità dell’indagato compiuto mediante ricorso ai dati relativi al DNA contenuti in un archivio informatico che si trovi presso la Polizia giudiziaria, anche in violazione delle cautele previste dal codice sulla [...]
Incidente di esecuzione – CEDU – violazione E’ ineseguibile ed improduttiva di effetti penali la sentenza di condanna passata in giudicato resa in violazione di una norma CEDU, ciò poiché gli artt. 666 e 670 c.p.p. impongono al giudice dell’esecuzione di eliminare gli effetti pregiudizievoli derivanti da una condanna emessa dal giudice italiano in violazione di una norma della CEDU, [...]
Dichiarazioni della parte offesa - Unica fonte di prova della colpevolezza del reo – Ammissibilità – Condizioni – Verifica di attendibilità più rigorosa rispetto alle deposizioni dei testimoni Le dichiarazioni della parte offesa possono essere legittimamente poste da sole a base dell'affermazione di penale responsabilità dell'imputato, previa verifica, corredata da idonea motivazione, [...]
Redazione della sentenza - termine - sospensione nel periodo feriale - applicabilità - eslusione  Le Sezioni unite della Corte di cassazione hanno affermato che anche a seguito della riduzione del periodo annuale di ferie dei magistrati da 45 a 30 giorni, stabilita dal d.l. n. 132 del 2014 convertito, con modificazioni, dalla legge 10 novembre 2014, n. 162, art. 16, i termini per la [...]
Azione/Indagini preliminari - diritto alla vita -  durata del procedimento L’articolo 2 Cedu, nel tutelare il diritto alla vita, prescrive un obbligo concreto di indagine qualora si verifichino lesioni al diritto de quo anche se commesse da cittadini privati o sconosciuti. L’obiettivo è quello di garantire l’effettiva e concreta applicazione delle norme nazionali a tutela del diritto [...]
Imputazione – nullità – abnormità – restituzione degli atti al P.M. Non è abnorme il provvedimento con cui il giudice del dibattimento dichiara la nullità del decreto di citazione a giudizio per indeterminatezza del contenuto descrittivo dell’imputazione e dispone la restituzione degli atti al pubblico ministero, poiché in tal caso non si determina alcuna stasi del procedimento. [...]
Restituzione nel termine - tempestività della richiesta - servizio postale - condizioni Ai fini della verifica della tempestività della richiesta di restituzione nel terminea norma dell'art. 175 comma 2 bis, il giudice, nel caso in cui la richiesta sia presentata a mezzo del servizio postale, deve fare riferimento alla data di spedizione della richiesta.  APRI PDF
Riparazione per ingiusta detenzione – colpa grave – reticenza Il giudice per valutare la sussistenza della colpa grave ostativa al riconoscimento del diritto alla riparazione per ingiusta detenzione, può prendere in esame il comportamento silenzioso – pur legittimamente tenuto nel corso del procedimento penale – poiché il diritto all’equa riparazione presuppone una condotta [...]
Azione/Indagini preliminari - responsabilità delle autorità statali - concreti ed effettivi accertamenti Se taluno solleva credibili argomentazioni circa maltrattamenti subiti da agenti appartenenti alle forze dello stato, in violazione dell’articolo 3 Cedu letto in combinato disposto con il generale obbligo di cui all’articolo 1 di «assicurare a tutti coloro che rientrano nella loro [...]
Intercettazioni – reato presupposto – procedimento per illeciti amministrativi dipendenti da reato – utilizzabilità Impugnazioni - interesse ad impugnare – prescrizione del reato presupposto – art. 129, comma 2, c.p.p. Nel procedimento relativo agli illeciti amministrativi dipendenti da reato (d.lgs. 231 del 2001), i risultati desumibili dalle intercettazioni di conversazioni o [...]
Giudizio direttissimo – legittimo impedimento – arrestato – evasione Il legittimo impedimento che non permette la presenza fisica dell’arrestato in udienza, non è ostativo alla richiesta di convalida dell’arresto e contestuale giudizio direttissimo, ai sensi dell’art. 558 c.p.p., anche nell’ipotesi di allontanamento volontario dell’imputato determinato da evasione. APRI PDF
Indagini preliminari - Arresto in flagranza - Convalida - Tribunale investito della convalida dell'arresto e del contestuale giudizio direttissimo - Presupposti - Presenza dell'arrestato all'udienza - Esclusione La sentenza in esame evidenzia un contrasto nella giurisprudenza di legittimità in ordine al potere del giudice del dibattimento di convalidare l’arresto e disporre contestualmente [...]
Azione/Indagini preliminari - responsabilità medica - concreto ed effettivo accertamento L’articolo 2 § 1 della Convenzione impone non solamente un esplicito obbligo di protezione della vita degli individui, ma anche un implicito dovere di adottare misure idonee per la salvaguardia della stessa. Tali principi si estendono all’ambito della sanità pubblica [così anche in Valerio Fuklev [...]
Giudizio di appello – sentenza di condanna – riforma – rinnovazione istruttoria dibattimentale - testimonianza – persona offesa – prova decisiva – CEDU L’art. 603, comma 3, c.p.p. in applicazione dell’art. 6 della CEDU, deve essere interpretato nel senso che il giudice di appello per pronunciare sentenza di assoluzione in riforma della condanna del giudice di primo grado, deve [...]
Ne bis in idem – ricorso per cassazione – identità del fatto – accertamento La violazione del principio del ne bis in idem da parte dell’imputato già condannato per lo stesso fatto, non può essere sollevata per la prima volta in cassazione, perché l’accertamento dell’identità del fatto comporta un esame nel merito precluso ai giudici di legittimità APRI PDF
Azione/Indagini preliminari - uso legittimo della forza - precisi e dettagliati accertamenti L’articolo 2 Cedu, complessivamente considerato, elenca situazioni tipizzate in cui è consentito l’uso della forza da parte delle autorità statali. Da tali casi può derivare, come conseguenza non voluta, il decesso di taluno. L’ utilizzo della vis deve essere “assolutamente necessario”, [...]
Sequestro probatorio di un computer - ricorso per cassazione - ordinanza di riesame di conferma - ammissibilità - condizioni E' ammissibile il ricorso per cassazione avverso l'ordinanza del tribunale del riesame di conferma del sequestro probatorio di un computer o di un supporto informatico, nel caso in cui ne risulti la restituzione previa estrazione di copia dei dati ivi contenuti, sempre [...]

N. 5/2017

Donatello Cimadomo

La difesa dell’ente sottoposto a procedimento penale

The company’s defence in the criminal proceedings

 

Il tema della difesa dell’ente nel procedimento penale – identica sede dell’accertamento del reato e dell’illecito amministrativo che da quel reato dipende – non dovrebbe costituire terreno di disputa se viene declinato al fine di individuare una ragion d’essere delle prerogative difensive che accomuni le diverse posizioni processuali dell’imputato-persona fisica e dell’incolpato-ente.
Per evidenti che siano le differenze naturali tra i due soggetti processuali, l’anamnesi sul sistema processuale concepito con il d.lgs. n. 231 del 2001 consegna una parificazione d’avanguardia tra ente e persona fisica, almeno con riguardo all’esercizio delle facoltà difensive ad entrambi riconosciute.
Occorre, però, verificare se il diritto di difesa dell’ente non sia limitato a cagione di una ingiustificata differenza qualitativa dell’accertamento dell’illecito amministrativo rispetto a quello del fatto-reato o, peggio ancora, in forza di un automatismo probatorio che, permettendo di ricavare la prova del reato da quella dell’illecito amministrativo, porta inevitabilmente alla rarefazione irrimediabile del diritto di difesa dell’ente.

The core subject of the company’s defence in the criminal proceedings – same proceedings for the assessment of the crime as well as of the administrative offence resulting from said crime – should not constitute a point of contention if used to identify the purpose of the defensive prerogatives which equalizes the different procedural positions of the defendant/individual or of the accused/company.
Notwithstanding the natural differences between the two subjects under proceedings, the anamnesis of the procedural system designed by Legislative Decree 231/2001 provides for a forward equalization between the company and individual, at least as concerns the entitlement to exercise defensive rights which both subjects are granted.
It should however be verified whether the company’s entitlement to exercise the right of defence is limited because of an unjustified difference in the assessment of the administrative offence as compared to the assessment of the event/crime or, worse, as a result of a probatory automatism that, by allowing to derive the evidence of the administrative offence from the evidence of the crime, inevitably leads to the irreparable depletion of the company’s right of defence.

APRI PDF



N. 5/2017

Natalia Rombi

Le Sezioni unite e le condanne cartolari nel giudizio abbreviato d’appello

Joint Chambers of the Supreme Court of Cassation and convictions based on documentary evidence in the appealed summary judgment

 

Dopo un’analisi delle criticità che ancora caratterizzano la disciplina del giudizio d’appello, l’Autore si sofferma sul tema dell’integrazione probatoria nel rito abbreviato per comprendere se la soluzione offerta dalle Sezioni unite trascenda le peculiarità del rito e se, dunque, anche il giudice dell’abbreviato d’appello, ove intenda riformare in peius la sentenza di proscioglimento, debba procedere alla riassunzione in contraddittorio delle prove dichiarative su cui intende fondare la condanna.

After analyzing the criticalities that still characterize the discipline of appeal, the Author focuses on the subject of probative integration in the summary judgment to understand whether the solution offered by the Joint Chambers transcends the peculiarities of the trial and whether the judge of appeal in the summary judgment shall proceed with the renewal of the trial evidentiary hearing on which the sentence is based in order to reform the sentence of acquittal in peius.

APRI PDF


   N. 5/2017

copertina5 2017

pdf ico

EDITORIALE                                                                                                                                        ita/eng

I progetti di riforma del d.lgs. 231/2001 in Parlamento, tra aspettative e anticipati traguardi - A. Bernasconi

 

SCENARI

Novità legislative interne - A. Famiglietti

Novità sovranazionali - P. Zoerle

De jure condendo - L. Pulito

Corti europee - A. Sivier

Corte costituzionale - W. Nocerino

Sezioni Unite - T. Alesci

Decisioni in contrastoG. Bocellari

 

AVANGUARDIE IN GIURISPRUDENZA
Giudizio abbreviato d’appello e prova dichiarativa decisiva. Corte di cassazione, Sezioni Unite, 14 aprile 2017, n. 18620 – Pres. Canzio – Est. Piccialli

Le Sezioni unite e le condanne cartolari nel giudizio abbreviato d’appello - N. Rombi


Esclusa l’applicazione ex officio della sanzione sostitutiva in appello. Corte di cassazione, Sezioni Unite, sentenza 17 marzo 2017 n. 12872 – Pres. Canzio; Rel. Lapalorcia

I poteri del giudice di appello in materia di sostituzione delle pene detentive brevi - P. Corvi


Decesso del soggetto pericoloso e azione di prevenzione patrimoniale. Corte di cassazione, Sezioni Unite, sentenza 16 marzo 2017, n. 12621 – Pres. Fiale, Rel. De Amicis

Confisca di prevenzione e morte del soggetto ritenuto pericoloso: le Sezioni Unite definiscono i limiti applicativi - M.F. Cortesi


Limiti all’interesse della parte civile ad impugnare la condanna generica. Corte di cassazione, Sezione III, sentenza 27 marzo 2017, n. 14812 – Pres. Fiale; Rel. Aceto

La parte civile può impugnare la sentenza di condanna generica a seguito di riqualificazione giuridica del fatto? - R. Cencetti


Detenzione domiciliare speciale e preclusione all’accesso per condannate ex art. 4-bis ord. penit.: la censura della Corte costituzionale. Corte costituzionale, sentenza 12 aprile 2017, n. 76 – Pres. Grossi; Rel. Zanon

Verso il superamento delle presunzioni penitenziarie tra ragionevolezza in concreto e prevalenza dello “speciale interesse del minore” - E. Farinelli


Associazione mafiosa e adeguatezza esclusiva della custodia carceraria: la Corte costituzionale legittima la presunzione assoluta. Corte costituzionale, ordinanza 12 giugno 2017, n. 136 – Pres. Grossi; Rel. Lattanzi

Associati di mafia, carcere cautelare obbligatorio e (in)eccepibilità costituzionale - F. Centorame


La Consulta dichiara l’illegittimità del divieto di sospensione dell’esecuzione per i minori condannati per gravi reati. Corte costituzionale, sentenza 22 febbraio 2017, n. 90 – pres. Grossi; rel. Lattanzi

La Corte costituzionale afferma il diritto del minore alla sospensione dell’esecuzione - P. Maggio

 

 

DIBATTITI TRA NORME E PRASSI

La perizia tra potere dispositivo delle parti e iniziativa probatoria del giudice - D. Certosino

L’ufficiale di polizia giudiziaria a competenza limitata: un ruolo in espansione - F. Giunchedi

Problemi applicativi in ordine alla valutazione del materiale probatorio in tema di traffico illecito di sostanze stupefacentiE. Pilla

  

 

ANALISI E PROSPETTIVE

La difesa dell’ente sottoposto a procedimento penale - D. Cimadomo

La reparación económica a la víctima en el sistema EspañolH. Soleto-Muñoz

 

 

INDICI
Indici