davi

home / Archivio / Fascicolo / La messa alla prova nell'esperienza giurisprudenziale: un faticoso percorso verso l'allineamento ..

indietro stampa articolo indice leggi articolo leggi fascicolo


La messa alla prova nell'esperienza giurisprudenziale: un faticoso percorso verso l'allineamento costituzionale

di Maria Chiara Saporito

Il contributo, ripercorrendo i principali arresti giurisprudenziali in tema, illustra la singolare parabola interpretativa che ha coinvolto l’istituto della messa alla prova. Per diversi anni l’interprete si è prudentemente mosso all’interno delle categorie dogmatiche tradizionali, non riuscendo, pur tuttavia, ad esorcizzare il rischio di un rigetto costituzionale per incompatibilità con la presunzione di innocenza. Nel 2018, finalmente, la Consulta ha riconosciuto l’atipicità del probation e la sua estraneità al classico vocabolario della pena, non fornendo però valide definizioni alternative. Il testimone, dunque, passa oggi nuovamente agli operatori, i quali, se vorranno, potranno trovare nel paradigma della giustizia riparativa le coordinate per leggere le peculiarità del rito come risorse, e non già minacce, per il sistema penale.

PAROLE CHIAVE: messa alla prova - probation - sanzione penale

Probation in the jurisprudential experience: a tiring journey towards the constitutional alignment

The essay, tracing the main jurisprudential arrests on the subject, illustrates the singular interpretative parable of probation. For several years the interpreter has prudently moved within the traditional dogmatic categories, failing, however, to exorcise the risk of a constitutional rejection for incompatibility with the presumption of innocence. In 2018, finally, the Constitutional Court recognized the atypical nature of probation and its extraneousness to the classic vocabulary of punishment, without providing valid alternative definitions. Today the baton is passed again to the operators, who will be able to find in the paradigm of restorative justice the code to translate the peculiarities of probation into resources, not threats, for the penal system.

Sommario:

Il vizio d’origine dell’istituto - Un beneficio polivalente - I primi arresti della Consulta: il diritto alla messa alla prova come “diritto al rito premiale” - La concezione sanzionatoria della misura nella giurisprudenza di legittimità - Profili d’incostituzionalità dell’equiparazione alla pena - La Corte Costituzionale supera l’ostacolo: la messa alla prova non è una sanzione penale - Gli scenari possibili oltre le categorie tradizionali - La disciplina processuale come fortezza garantista per l’applicazione della giustizia riparativa - Gli scopi riparativi quale nuova linfa vitale per la premialità - NOTE


Il vizio d’origine dell’istituto

Nonostante gli ottimi risultati pratici raggiunti in questo primo quinquennio, l’istituto della messa alla prova continua a scontare una singolare vulnerabilità sul piano teorico. All’origine delle perplessità sin da subito manifestate dalla dottrina e non ancora fugate dalla giurisprudenza, la particolare natura del nuovo rito speciale, che sospende il procedimento ordinario per innestarvi un programma di rieducazione [1] in grado di condurre, eventualmente, all’estinzione del reato. Un tale meccanismo ha immediatamente prestato il fianco a prevedibili obiezioni sul piano dei principi. Gli obblighi imposti al probando (osservanza delle prescrizioni, lavoro di pubblica utilità e, ove possibile, eliminazione delle conseguenze dannose dell’illecito), per quanto consensualmente assunti, presentano, infatti, una carica afflittiva tale da renderne istintiva l’assimilazione al trattamento sanzionatorio di regola disposto con il provvedimento di condanna [2]. Di qui il pericolo, da molti denunciato, che la messa alla prova si risolva in un espediente processuale funzionale all’irrogazione di una vera e propria pena ante iudicatum, con grave attentato alla presunzione di innocenza. Le insidie che sembrano annidarsi in questo apparente stravolgimento tra cognizione ed esecuzione nascono, in realtà, dalla frettolosa equiparazione tra trattamento di prova e sanzione. Un’equiparazione che, come [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


Un beneficio polivalente

Come noto, la sospensione del procedimento con messa alla prova, dopo una travagliata gestazione, viene finalmente alla luce con la legge n. 67 del 28 aprile 2014 [3]. La disciplina si articola tra codice sostanziale e di rito, e più precisamente tra cause di estinzione del reato (artt. 168-bis c.p. e ss.) e procedimenti speciali (artt. 464-bis c.p.p. e ss.) [4]. Con questa scelta normativa il legislatore cala nel concreto lo schema del probation [5] giudiziale: la prova è disposta nel corso del procedimento [6] e determina, in caso di esito positivo, la rinuncia dello Stato alla propria pretesa punitiva. Dopo aver dato buona prova di sé nella giustizia minorile [7], il probation giudiziale approda nel procedimento a carico di adulti con alcuni correttivi assai “eloquenti” sul piano valoriale. Anzitutto, la fruibilità della messa alla prova per adulti è condizionata da alcuni sbarramenti all’accesso (soggettivi e oggettivi) [8], che risultano assenti, invece, nell’archetipo minorile, rivolto in potenza ad ogni tipologia di imputato, per qualsiasi fattispecie di reato contestata. La scelta di restringere il bacino dei destinatari appare dettata da esigenze di sicurezza sociale e prevenzione generale che si pongono invece come secondarie rispetto alla riabilitazione del giovane. Ulteriormente discostandosi dal modello minorile, la messa alla prova per [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


I primi arresti della Consulta: il diritto alla messa alla prova come “diritto al rito premiale”

Le intenzioni deflattive, mai dissimulate nel corso dei lavori parlamentari, riflettono indubbiamente quella logica di scambio, tra richiedente e Stato, che è motore dei procedimenti speciali [11]. Mediante il consenso al rito l’imputato rinuncia alla garanzia della cognizione dibattimentale in vista di un trattamento sanzionatorio che, per quanto anticipato e ineludibile, si prospetta più mite rispetto a quello che, altrimenti, seguirebbe a una pronuncia di condanna. Dall’altra parte, lo Stato abdica alla propria funzione di accertamento, così risparmiando sui relativi costi: sovraccarico giudiziario ed esubero delle carceri. Trovano così ragion d’essere i già ricordati filtri di ammissibilità, che, riservando il beneficio a ipotesi di scarso allarme sociale, sembrano proprio certificare l’intenzione di conciliare negozialità e prevenzione generale. Sul richiamo al genus dei procedimenti speciali si è appiattita per molto tempo la giurisprudenza costituzionale, chiamata a completare una disciplina per molti versi lacunosa sul piano applicativo. In questo senso, spicca, per particolare rilevanza pratica, la pronuncia con cui la Corte Costituzionale ha affrontato la questione intertemporale, concernente la possibilità di ricorrere al rito nell’ambito di procedimenti per i quali, al momento dell’entrata in vigore della novella, fossero scaduti i termini per la [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


La concezione sanzionatoria della misura nella giurisprudenza di legittimità

Con un approccio completamente diverso, la Cassazione ha sin da subito preso atto dei potenziali attriti con il canone nulla poena sine judicio, esprimendosi con enunciati anche forti. Icastica la definizione di “criptoprocesso” che, coniata dai primissimi commentatori dell’istituto, è stata appunto presa in prestito, con convinzione, dalle Sezioni Unite nella sentenza che ha affrontato il tema dell’impu­gnabilità dell’ordinanza di rigetto all’istanza di messa alla prova [25]. A sollecitare l’intervento del Collegio, il contrasto giurisprudenziale formatosi sulla portata dell’art. 464-quater, comma 7, c.p.p., il quale stabilisce la facoltà per l’imputato e il pubblico ministero di ricorrere in cassazione contro l’ordinanza che decide sull’istanza di messa alla prova. Il dato normativo, nella sua asciuttezza, si era prestato a due letture diametralmente opposte. Senza addentrarsi nelle relative argomentazioni [26], si può in breve ricordare come una prima corrente giurisprudenziale avesse ritenuto che la norma consentisse l’imme­diata e autonoma ricorribilità in cassazione di qualsiasi provvedimento decisorio, sia esso ammissivo che reiettivo [27]. Per altro indirizzo, avrebbe invece trovato applicazione il regime generale stabilito dall’art. 586 c.p.p. per le ordinanze dibattimentali, ricorribili solo congiuntamente [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


Profili d’incostituzionalità dell’equiparazione alla pena

Nell’analisi della produzione giurisprudenziale è possibile individuare due orientamenti tra loro distinti per un’opposta concezione del giudizio fattuale posto a fondamento del provvedimento di ammissione al rito [32]. Secondo un primo modello, qualificato come “cognitivo”, l’aspirazione rieducativa del programma presupporrebbe il convincimento del giudice nel senso della responsabilità penale del richiedente [33]. Tale convincimento maturerebbe proprio all’esito di un “criptoprocesso”, ossia di un giudizio “silente” sulla fondatezza dell’addebito, condotto sulla scorta di un assetto probatorio precario e minato dall’assenza di contraddittorio [34]. D’altra parte, invece, si afferma che la verifica in fatto si limiterebbe alla sussistenza delle condizioni per l’immediato proscioglimento ex art. 129 c.p.p. [35], sicché la concessione della misura dipenderebbe da un mero automatismo applicativo, senza indagine nel merito della colpevolezza. Le contrapposizioni che possono rintracciarsi sul piano della factual basis non contribuiscono in realtà a risolvere il punctum pruriens dell’istituto. Entrambe le tesi, infatti, parificano il trattamento della prova ad una pena, dissentendo solo sul “congegno” processuale atto a giustificarne l’anticipazione alla fase cognitiva. Non [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


La Corte Costituzionale supera l’ostacolo: la messa alla prova non è una sanzione penale

Ad aprire una breccia in questo sconfortante panorama la sentenza 91/2018, con cui la Consulta ha accreditato la compatibilità dell’istituto con il dettato costituzionale, confutando il dato di partenza di ogni tesi fino allora formulata che voleva il trattamento in prova ricondotto a una “sanzione penale”. L’occasione per una precisa presa di posizione sull’aspetto sostanziale della misura [39] è stata offerta dal Tribunale di Firenze, il quale sollevava incidente di costituzionalità sull’art. 464-quater, comma 1, c.p.p., ritenuto in contrasto con gli artt. 3, 111, comma 6, 25, comma 2 e 27, comma 2, Cost. La prima questione rimessa alla Corte riguardava la mancata previsione all’interno della norma censurata della facoltà per il giudice del dibattimento di acquisire e valutare gli atti delle indagini preliminari ai fini della decisione sulla messa alla prova. La questione è stata risolta dalla Corte piuttosto agilmente nel senso della sua infondatezza: ad avviso dei Giudici il rimettente avrebbe, infatti, omesso di considerare la strada del­l’interpretazione costituzionalmente conforme, percorribile mediante applicazione analogica dell’art. 135 disp. att. La norma, prevista in materia di patteggiamento, attribuisce all’organo giudicante il potere di ordinare l’esibizione degli atti contenuti nel suddetto fascicolo fini della decisione sulla richiesta di pena [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


Gli scenari possibili oltre le categorie tradizionali

Senza timore di esagerare, si può affermare che il dictum della Corte possieda tutte le potenzialità per affermarsi come spartiacque tra il passato e il futuro dell’esegesi della messa alla prova. E questo non perché fornisca tutte le risposte, ma perché, liberando l’interprete dalle sabbie mobili dell’impo­stazione tradizionale, lo abilita finalmente a cercare quelle risposte altrove. L’opportunità non è stata colta, a dire il vero, dall’unica pronuncia costituzionale successiva, in cui la Corte ha continuato ad argomentare sulle note similitudini con la pena [46]. Ad un interprete più volenteroso, l’arresto offre quantomeno una bussola nella ricerca di classificazioni dell’istituto alternative a quella sanzionatoria. Si tratta del concetto di “volontarietà”, che illumina tutta la motivazione e sembra orientare il lettore verso l’universo della giustizia riparativa. [47] Un universo che ruota, appunto, intorno all’asse del consenso, concepito come assunzione di un impegno attivo da parte dell’autore di reato alla ricostruzione del patto sociale infranto con la propria condotta criminosa. Un universo in cui d’altro canto, lo stesso Stato muta ruolo, facendosi carico di promuovere una rieducazione non stigmatizzante del reo e di offrire riconoscimento alla persona offesa. Ebbene, questo modello di giustizia [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


La disciplina processuale come fortezza garantista per l’applicazione della giustizia riparativa

Escludere la natura sanzionatoria dell’istituto non vuol dire affrancarne i contenuti dalle garanzie costituzionali che regolano ogni forma di risposta statale all’illecito. Anzi, si può affermare che la messa alla prova rappresenti un valido banco di prova per l’attuazione del paradigma riparativo all’interno di un contesto di giustizia formale: proprio per mezzo di quei congegni a lungo criticati, infatti, si recepisce l’input a considerare la reintegrazione dell’offesa quale obiettivo (com)primario del diritto penale, al contempo, però, salvaguardando i principi cardine di quest’ultimo. Intanto, la scelta di meccanismi riparativi “istituzionalizzati” scongiura ogni rischio di violazione del principio di obbligatorietà che disciplina l’azione penale (art. 112 Cost.). Solo in virtù del suo regolare esercizio, infatti, si potrà parlare di un procedimento penale il cui corso dirottare verso esiti differenti da quelli della celebrazione del processo e della pena [59]. Anche la verifica sommaria del fatto storico prescritta dall’art. 464-quater, comma 1 c.p.p., assume in questa prospettiva tutt’altro pregio, mutando da malferma base del piedistallo sanzionatorio a solida garanzia per l’imputato. Il controllo giudiziale lo tutela infatti dall’assumere impegni riparativi quando difettino le condizioni per procedere, risulti l’infondatezza [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


Gli scopi riparativi quale nuova linfa vitale per la premialità

L’incursione di concetti riparativi non rappresenta, a dire il vero, un’assoluta novità per il nostro ordinamento penale. Negli ultimi tempi il legislatore si è mostrato, in effetti, particolarmente propenso ad avvalorare, in termini giuridici, il positivo contegno post factum del reo. I picchi più intensi [65] di questa tendenza si sono registrati nell’ambito di “microsistemi” della giurisdizione penale, con la messa alla prova minorile (art. 28 d.p.r. 448/88) e l’estinzione del reato per condotte riparative nei procedimenti dinanzi al giudice di pace (all’art 35 d.lgs. 274/2000) [66]. Ma la sperimentazione ha investito anche il processo ordinario, con l’inserimento della causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto (art. 131-bis c.p.) e il potenziamento, in senso riparativo, di istituti già collaudati. Si pensi all’oblazione discrezionale, che, pur originando nel codice (art. 162-bis c.p.), [67] rileva oggi quale causa di estinzione per le contravvenzioni in materia di sicurezza e igiene del lavoro ex art. 24 d.lgs. 758/2004. Il meccanismo che accomuna gli istituti citati [68] è piuttosto lineare: condotta riparativa - estinzione del reato. Quest’operazione, all’apparenza banale, presenta un significato giuridico complesso: l’atti­vazione del soggetto nella rimozione [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social