scalfati

home / Archivio / Fascicolo / Corte di giustizia UE

indietro stampa articolo indice leggi articolo leggi fascicolo


Corte di giustizia UE

di Francesca Dri e Elisa Grisonich

La Corte di Giustizia si pronuncia nuovamente in materia di sanzioni penali conseguenti alla violazione del divieto di reingresso non preceduto dalla previa e fruttuosa esecuzione del provvedimento di rimpatrio

(Corte di Giustizia UE, Quinta Sezione, 17 settembre 2020, causa C-806/18)

di Francesca Dri

La questione pregiudiziale in oggetto verte sull’interpretazione della direttiva 2008/115/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, recante norme e procedure comuni applicabili negli Stati membri al rimpatrio di cittadini di Paesi terzi il cui soggiorno è irregolare (G.U.U.E. 24 dicembre 2008, L 348 p. 98).

Tale istanza è stata presentata dallo Hoge Raad der Nederlanden (Corte Suprema dei Paesi Bassi, nel prosieguo “Corte Suprema”) nell’ambito di un procedimento penale a carico di J.Z., cittadino algerino destinatario di una decisione di rimpatrio, notificata ai sensi dell’art. 6 della direttiva in parola, e di un divieto di reingresso nel territorio dello Stato, disposti in ragione delle numerose condanne penali riportate dall’imputato. Poiché la procedura di rimpatrio non aveva sortito alcun esito fruttuoso, continuando J.Z. a soggiornare illegalmente nel territorio dei Paesi Bassi senza mai essersene allontanato, il predetto veniva condannato a pena detentiva per violazione del divieto di reingresso, sanzionato dall’art. 197 del codice penale nazionale. Nelle more del procedimento pendente dinnanzi al giudice del rinvio, la difesa di J.Z. invocava una precedente pronuncia della Corte di giustizia, resa in relazione ad un caso analogo rispetto a quello sub iudice (C. giust. UE, 26 luglio 2017, Ouhrami, C-225/16), secondo cui il divieto di reingresso produce i propri effetti solo a decorrere dall’avvenuto rientro dell’interessato nel suo Paese d’origine o in altro Stato terzo. Secondo la Corte, infatti, qualora la decisione di rimpatrio non abbia mai avuto concreta esecuzione e il suo destinatario non abbia di fatto lasciato il territorio dello Stato, non vi è margine per addivenire alla condanna dell’interessato a titolo di [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social