scalfati

home / Archivio / Fascicolo / De jure condendo

indietro stampa articolo indice leggi articolo leggi fascicolo


De jure condendo

di Marilena Colamussi

Ricollocamento Dei Magistrati Candidati A Cariche Pubbliche; Divieto Di Collocamento Fuori Ruolo

Si dibatte da tempo, in sede politica, legislativa, giudiziaria e socioculturale, di quale sia il ruolo dei magistrati impegnati in politica come candidati, o eletti a cariche pubbliche, che a fine mandato tornano nelle aule di giustizia, come se nulla fosse accaduto.

Sul tema, in disparte ogni contaminazione ideologica, occorre guardare ai profili squisitamente normativi, in specie de lege ferenda, e alle implicazioni derivanti dalle scelte in corso d’opera, sul piano delle garanzie fondamentali, nonché ai risvolti sul piano di valori costituzionalmente protetti, quali indipendenza, imparzialità, autonomia e terzietà della magistratura (artt. 101, 104, 108, 111 Cost.).

L’agenda parlamentare rivela l’attenzione puntuale del legislatore, quanto meno in punto di metodo: la proposta di legge ordinaria C. 2517 è stata assegnata all’esame delle Commissioni riunite (I Affari Costituzionale e II Giustizia), in data 18 giugno 2020. L’articolato reca “Disposizioni in materia di ricollocamento dei magistrati candidati a cariche pubbliche elettive e divieto di collocamento fuori ruolo dei magistrati ordinari, amministrativi, contabili, militari e tributari"; ne sono promotori gli onorevoli Sisto e Mulè.

Non è il primo disegno di legge in materia, e probabilmente neppure l’ultimo, malgrado i tempi siano, oramai, maturi perché si passi dalla fase della riflessione a quella della realizzazione di un cambiamento utile a correggere le storture del sistema vigente. Basti pensare che solo durante la legislatura attuale si contano altri due disegni di legge in materia, per giunta aventi il medesimo titolo; trattasi anzitutto del disegno di legge S. 255, recante “Disposizioni in materia di candidabilità, eleggibilità e ricollocamento dei magistrati in occasione di elezioni politiche e amministrative nonché di assunzione di incarichi di governo nazionale e negli enti territoriali. Modifiche alla disciplina in materia di astensione e ricusazione dei giudici”, presentato l’11 aprile 2018, al momento in corso di esame in Commissione [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social