home / Archivio / Fascicolo / Corti europee

indietro stampa articolo leggi articolo leggi fascicolo


Corti europee

di Andrea Sivier

M.A.E.: MOTIVI DI NON ESECUZIONE OBBLIGATORIA

(Corte di Giustizia dell’Unione Europea, Grande sezione, sentenza 23 gennaio 2018, causa C‑367/16)

Con la sentenza in commento la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha dettato, per la prima volta, le linee guida per una corretta interpretazione dell’articolo 3, punto 3, della decisione quadro 2002/584/GAI del Consiglio, del 13 giugno 2002, relativa al mandato d’arresto europeo e alle procedure di consegna tra Stati membri.

In particolare, tale disposizione prevede un motivo di non esecuzione obbligatoria del mandato d’arresto europeo se la persona oggetto di tale mandato non può ancora essere considerata, a causa del­l’età, penalmente responsabile dei fatti all’origine di detto mandato in base alla legge dello Stato membro di esecuzione.

Le questioni oggetto della domanda di pronuncia pregiudiziale effettuata dalla Corte d’appello di Bruxelles, Belgio, erano le seguenti:

1. Se l’articolo 3.3 della decisione quadro 2002/584/GAI debba essere interpretato nel senso che si può autorizzare la consegna soltanto nel caso di persone che sono considerate maggiorenni secondo il diritto dello Stato membro di esecuzione, o se il succitato articolo consenta allo Stato membro di esecuzione di autorizzare la consegna anche per minorenni che, secondo le norme di diritto nazionale, possono essere considerati penalmente responsabili a partire da una determinata età ed eventualmente al ricorrere di talune condizioni;

2. Nell’ipotesi in cui la consegna di minorenni non sia vietata dall’articolo 3.3 della decisione quadro 2002/584/GAI, se l’articolo 3.3 della decisione quadro debba essere interpretato:

a) nel senso che l’esistenza di una possibilità (teorica) di punire i minorenni conformemente al diritto nazionale a partire da una determinata età sia sufficiente come criterio per autorizzare la consegna senza, quindi, tenere conto di eventuali condizioni supplementari, oppure

b) nel senso che né il principio del riconoscimento reciproco, sancito all’articolo 1.2 della decisione quadro 2002/584/GAI, né il testo dell’articolo 3.3 di tale [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio