davi

home / Archivio / Fascicolo / Corte di Giustizia UE

indietro stampa articolo indice leggi articolo leggi fascicolo


Corte di Giustizia UE

di Francesca Dri e Elisa Grisonich

La Corte di Giustizia chiarisce le modalità di predisposizione dell’OEI

(Corte di Giustizia UE, sez. I, 24 ottobre 2019, causa C-324/17)

di Francesca Dri

La questione pregiudiziale in oggetto concerne l’interpretazione dell’art. 1, § 4, dell’art. 6, § 1, lett. a), e dell’art. 14 della Direttiva 2014/41/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 aprile 2014 (G.U.U.E. 2014, L 130, p. 1), relativa all’ordine europeo di indagine penale (nel prosieguo, “OEI”). Nello specifico, il quesito prospettato alla Corte attiene alle modalità di compilazione del modulo contenuto nell’allegato A della direttiva in parola e, segnatamente, della sezione J del predetto, la quale richiede all’autorità giudiziaria emittente di indicare se, nello Stato membro di emissione, è già stato fatto ricorso ad un mezzo di impugnazione avverso un OEI e, in caso affermativo, di fornire dettagli sul punto.

L’istanza era stata presentata dallo Spetsializiran nakazatelen sad (Tribunale speciale per i procedimenti penali, Bulgaria) in relazione ad un procedimento pendente in Bulgaria nei confronti del sig. G., sospettato di aver preso parte ad un’organizzazione criminale, costituita al fine di commettere reati fiscali, e di essersi a tale scopo avvalso di una società interposta, stabilita in Repubblica ceca e rappresentata dal sig. Y. Nelle more del procedimento, il Tribunale aveva deciso di emettere un OEI affinché le autorità ceche effettuassero perquisizioni e sequestri nei locali della società interposta e presso l’abitazione del sig. Y e procedessero, altresì, all’audizione in videoconferenza di quest’ultimo, in qualità di testimone. Il Tribunale, tuttavia, riscontrava delle difficoltà all’atto di compilare la sezione J del modulo in questione, atteso che il diritto interno bulgaro non prevede alcun mezzo di impugnazione avverso le decisioni che dispongono perquisizioni, sequestri o audizioni di testimoni, né forme di tutela indiretta, mediante separata azione risarcitoria, in favore di soggetti diversi [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social