TAR

home / Archivio / Fascicolo / Novità legislative interne

indietro stampa articolo indice leggi articolo leggi fascicolo


Novità legislative interne

di Federico Lucariello

Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza

(D.lgs. 12 gennaio 2019, n. 14)

I prodromi della riforma

Il d.lgs. n. 14 del 12 gennaio 2019 rappresenta, pur con tutte le riserve che generalmente accompagnano le riforme di ampia portata, il punto di arrivo di una lunga riflessione che ha accompagnato la disciplina del governo delle crisi di impresa sin dalla legge fallimentare del 1942 e che ha registrato il lento ma progressivo abbandono delle logiche che avevano guidato quel provvedimento.

Pur disciplinando anche procedure differenti, il perno fondamentale della legge era il fallimento, ossia una procedura giudiziaria-liquidativa per effetto della quale il patrimonio dell’imprenditore (persona fisica o giuridica che fosse) veniva sottratto al potere di amministrazione e disposizione dello stesso e destinato al soddisfacimento di tutti i creditori secondo la regola della par condicio.

Il sistema predisposto era sostanzialmente incentrato sul soddisfacimento dei creditori tramite l’e­secuzione forzata sui diversi beni che costituivano il patrimonio del fallito. Lo smembramento del­l’a­zienda e del complesso produttivo era dunque la regola.

Analizzando per intero la legge fallimentare, si comprendeva agevolmente come la locuzione “crisi di impresa”, sostanzialmente utilizzata quale sinonimo di insolvenza, fosse espressione di un evidente disvalore.

L’insolvenza accertata era, cioè, una macchia quasi indelebile per l’imprenditore che, accanto alle conseguenze patrimoniali, subiva una serie di misure personali che avevano una portata eminentemente punitiva.

L’impianto della legge fallimentare ha però iniziato a scricchiolare già negli anni settanta. Già in quel periodo, in contrapposizione alle finalità tradizionali del governo delle crisi di impresa (la protezione ed il soddisfacimento dei creditori dell’ente in dissesto attraverso la disgregazione dei complessi produttivi) si inizia a manifestare in maniera evidente la diversa esigenza di conservazione dell’orga­ni­smo stesso, sempre più considerato un’entità da [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social