manuale_insolvenza

home / Archivio / Fascicolo / Rapporti familiari e tutela processuale penale

indietro stampa articolo indice leggi articolo leggi fascicolo


Rapporti familiari e tutela processuale penale

di Paola Maggio, Professoressa associata di Diritto processuale penale - Università degli Studi di Palermo

La famiglia è un contenitore interrelazionale e affettivo dei diritti fondamentali dell’individuo, nel quale ciascun componente deve ricevere uguale tutela. La regolamentazione processuale delle relazioni familiari tocca tutte le fasi salienti dell’accertamento e giunge sino al momento esecutivo e penitenziario, mostrando una nozione in costante evoluzione, che presenta reciproche interconnessioni con il versante penale sostanziale, molte ibridazioni con i contenuti civilistici e un’apertura sempre più netta verso il composito quadro di fonti nel multilevel.

La disamina dei singoli istituti consente di scorgere un arricchimento del modello costituzionale di famiglia, attraverso la sempre più ampia parificazione delle famiglie di fatto, il riconoscimento legislativo delle unioni civili, la diffusa multiculturalità.

Negli ultimi anni una netta evoluzione segna l’affermazione del ruolo centrale della vittima, imposta dalle fonti sovranazionali e realizzata anche attraverso ampie manovre legislative di contrasto ai reati violenti. Il sottosistema ad hoc ispirato dall’esigenza di salvaguardare i soggetti vulnerabili e di evitare la vittimizzazione secondaria potenzia indubbiamente le prerogative della persona offesa, manifestando tuttavia anche tecniche di “protezione attraverso la repressione”.

Parole chiave: rapporti familiari - tutela processuale - diritti fondamentali - misure cautelari.

Family relations and criminal procedural protection

Family constitutes an inter-relational and emotional container of the fundamental rights of the individual, in which each component has to be given equal protection. The procedural regulation of family relations touches on all the substantive stages of the assessment and reaches all the way to the executive and correctional moment, showing a constant evolving notion, which has mutual connections with the substantive criminal side, many cross-references with civil law contents and an increasingly clear opening to the comprehensive framework of sources in the multilevel.

The analysis of the individual institutions allows us to catch a glimpse of an enrichment of the constitutional model of the family, through the increasingly broad equal treatment of de facto families, the legislative recognition of civil unions, and the widespread multiculturalism.

Over the past few years, the clearest development stems from the assertion of the central role of the victim, imposed by transnational sources and accomplished through extensive legislative measures to fight violent crimes. The ad hoc inspired subsystem upheld by the need to safeguard the most vulnerable, and to avoid secondary victimisation, undoubtedly enhances the prerogatives of the offended person, yet also displaying techniques of “protection through repression”.

Sommario:

1. La famiglia contenitore di diritti fondamentali dell’individuo - 2. La nozione processuale fra rilievo delle relazioni di fatto e interscambi con il diritto sostanziale - 3. Gli influssi della multiculturalità - 4. Il sottosistema fra affermazione del paradigma vittimario e “protezione attraverso la repressione” - 5. Famiglia, convincimento giudiziale, regime delle incompatibilità - 6. Soggettività, legittimazioni, implicazioni patrimoniali - 7. Una tutela cautelare ad hoc: l’allontanamento dalla casa familiare - 8. Il divieto di avvicinamento - 9. Contraddittorio cautelare e ruolo dell’offeso - 10. Prova dichiarativa e vincoli di solidarietà familiare - 11. I dichiaranti vulnerabili - 12. La rilevanza delle relazioni familiari nel momento esecutivo - NOTE


1. La famiglia contenitore di diritti fondamentali dell’individuo

Lo status e i rapporti familiari rilevano all’interno del processo penale in diverse disposizioni ritagliando legittimazioni, diritti informativi e poteri ad hoc, influendo sulla terzietà del giudice e sul regime delle incompatibilità, specificando l’area delle cautele, caratterizzando taluni istituti probatori, orientando il momento esecutivo e i contenuti del trattamento penitenziario [1]. Le dinamiche processuali hanno risentito al pari della tutela penale del significato evolutivo di famiglia che dalla fine del secondo conflitto mondiale a oggi ha registrato il passaggio lento da una visione di stampo autoritario, improntata alla soggezione patriarcale, a un modello costituzionale, caratterizzato dalla parità fra coniugi, aperto alla sempre più ampia equiparazione delle famiglie di fatto [2] e al riconoscimento legislativo delle unioni civili [3]. La dimensione normativa del codice di rito partecipa della risposta penale sostanziale, presenta molte ibridazioni con il diritto civile, risente del composito quadro di fonti e giurisdizioni nel multilevel post-moderno. Il quadro rimanda a un sodalizio intessuto sull’effettività e continuità (non certo indissolubilità) delle relazioni interpersonali, con un’attenzione sempre più forte verso la dignità di tutti i suoi componenti sia rispetto alle aggressioni dall’esterno, sia rispetto alle forme di violenza, [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. La nozione processuale fra rilievo delle relazioni di fatto e interscambi con il diritto sostanziale

All’interno delle regole processuali il concetto di famiglia è presente con sfumature peculiari in un complesso di disposizioni non sempre facilmente catalogabili. Talune norme tutelano lo status di familiare in sé (astensione dal dovere di deporre dei prossimi congiunti). Altre proteggono il processo dalle influenze dell’assetto familiare (incompatibilità). Altre ancora ricomprendono i familiari nel nucleo di garanzie riservate al soggetto indagato e imputato e alla persona offesa (legittimazioni, diritti informativi, d’azione). Esistono poi previsioni dirette a proteggere l’affidamento nella relazione con gli altri componenti il nucleo familiare (querela); disposizioni dal contenuto assistenziale e indennitario nel quale il nucleo familiare determina diversi livelli di incidenza (gratuito patrocinio, ingiusta detenzione, errore giudiziario). Una serie speciali di norme attraversano il segmento cautelare e quello esecutivo-penitenziario, con tratti di marcata specificità rispetto al nucleo familiare. Il settore della prevenzione e il Testo unico sulla immigrazione completano i contesti di riferimento. Questi progressi hanno connotato la nozione di famiglia, centrata anzitutto sulla tradizionale accezione di prossimi congiunti presente nell’art. 199 c.p.p. e derivata dal rinvio all’art. 307 c.p., sempre più aperta negli anni ai contenuti civilistici, ai riflessi sovranazionali, alla dimensione penale [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. Gli influssi della multiculturalità

Superata la valutazione esclusiva dei rapporti di convivenza, l’affectio familiaris, intesa come punto di contatto emotivo e sentimentale, correlata all’interesse all’integrità morale della persona (riconducibile all’art. 2 Cost) e al diritto all’intangibilità della sfera degli affetti, più di recente appare condizionata anche dalla dimensione multiculturale della aggregazione familiare che reca con sé una sovrapposizione di modelli, consuetudini, ideologie. Alle famiglie «a geometria variabile» si accostano le «famiglie in movimento» [39], alle quali la risposta penale si adatta, anche in sede di verifica processuale. Basti pensare all’incriminazione delle pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili descritte dall’art. 583-bis c.p. [40]. Il dato familiare, oltre a orientare il paradigma sanzionatorio penale [41], condiziona i contenuti dell’accertamento e caratterizza taluni istituti processuali, a partire dall’estensione del principio di extraterritorialità [42]. Altrettante implicazioni le relazioni familiari proiettano sull’accer­tamento delle fattispecie di tratta e di traffico di esseri umani [43]. La prassi ha individuato sbarramenti invalicabili, per tutti i casi in cui si profili un contrasto fra il diritto alla propria cultura e beni di elevato rango costituzionale [44]. Il diritto umano individuale [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4. Il sottosistema fra affermazione del paradigma vittimario e “protezione attraverso la repressione”

Se il pieno riconoscimento delle situazioni di fatto e la multiculturalità hanno contribuito a rinnovare il senso giuridico dei rapporti familiari, è il valore collettivo assunto dalla vittima a dominare odiernamente la tutela processuale [56]. Le proiezioni di uno spiccato vittimocentrismo, emergente già dalle epigrafi legislative [57] hanno mutato il contenuto di alcuni istituti processuali orientandoli alla protezione da violenze, abusi o altre forme di maltrattamento originantisi pure all’interno dello stesso nucleo familiare. Lo spostamento del focus sulle modalità violente dominanti le relazioni, anche affettivo-familiari, ha posto al centro della risposta sanzionatoria l’interesse dell’offeso e adeguato nella stessa direzione le regole dell’accertamento. Le interazioni tra vittima individuale, vittima simbolica e istituzioni pubbliche, deputate al controllo della criminalità e all’amministrazione della giustizia penale [58], hanno spostato assiologicamente il baricentro dei diritti processuali, tradizionalmente tarato sulla tutela del presunto autore del reato. Il concetto polifunzionale di “vulnerabilità” è stato direttamente trasfuso in talune fattispecie sostanziali, e si è rivelato capace di influenzare funditus il momento investigativo e l’accertamento processuale, giustificare forme di anticipazione del contraddittorio, disegnare i contorni [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


5. Famiglia, convincimento giudiziale, regime delle incompatibilità

Osservando in premessa che fra i vari fattori capaci di condizionare il convincimento penale rientrano senz’altro l’analisi del contesto familiare [80], l’interesse dei figli minori [81], anche in relazione al­l’equilibrio psicofisico dello stesso [82], e tentando una rapsodica panoramica delle varie disposizioni processuali tradizionalmente centrate sulla dimensione familiare, un cenno iniziale meritano anzitutto i condizionamenti probatori civilistici esistenti in materia di status familiae. L’autonomia e l’indipendenza fra procedimento penale e procedimento civile, che si svolgono nelle sedi proprie e sono soggetti a regole diverse, anche in tema di prova, impediscono infatti di assoggettare l’accertamento penale alle regole del processo civile, in quanto alla necessaria libertà del giudice nella ricostruzione degli eventi e alla discrezionalità nella valutazione delle prove. In questa direzione operano i limiti di prova rappresentati dall’insieme di principi che regolano la prova con riguardo a ogni disposizione extrapenale. Un’espressa eccezione contemplata all’art. 193 c.p.p., diretta proiezione dell’art. 3 c.p.p. in tema di questioni pregiudiziali, concerne appunto le questioni relative allo “stato di famiglia e di cittadinanza”. Quando la questione non è seria e se l’azione non è già in corso a norma delle leggi civili, la [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


6. Soggettività, legittimazioni, implicazioni patrimoniali

Fra le disposizioni che prendono in considerazione i rapporti familiari al fine di garantire i diritti informativi dei componenti o estendere a essi l’esercizio di potestà e diritti riconosciuti ai soggetti e alle parti processuali, merita menzione l’art. 90, comma 3, c.p.p. che, nell’indicare i soggetti legittimati ad esercitare i diritti e le facoltà attribuiti alla persona offesa deceduta in conseguenza del reato, menziona i conviventi legati da stabile relazione affettiva, oltre ai coniugi o i prossimi congiunti [97], in tal modo essi possono esercitare, sin dalla fase delle indagini preliminari gli stessi diritti e le stesse facoltà attribuiti al loro dante causa. In questo caso i prossimi congiunti non sono titolari degli interessi tutelati dalla norma penale che si assume violata, né rappresentanti legali del defunto, ma fanno valere in giudizio un diritto proprio espressamente riconosciuto dal legislatore che, ai fini del processo, li parifica alle persone offese. La delimitazione soggettiva dei prossimi congiunti è tracciata dall’art. 307, comma 4, c.p., mentre l’estensione contenuta nell’art. 90, comma 3, c.p.p. opera esclusivamente nei casi in cui la morte costituisca l’ele­mento costitutivo o la circostanza aggravante del reato per cui si procede, essendo consentito in ogni altra ipotesi ai prossimi congiunti, eventualmente di costituirsi parti civili, giusta la previsione [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


7. Una tutela cautelare ad hoc: l’allontanamento dalla casa familiare

Nell’assetto cautelare tradizionale del libro IV del codice di procedura penale ampia attenzione la famiglia ha ottenuto, dalla peculiare angolazione della protezione della maternità sottostante il ricorso ex art. 285-bis c.p.p. che disciplina forme di custodia attenuata per detenute madri. Si intende evitare sin dall’inizio l’ingresso in carcere, consentendo lo svolgimento dei compiti di cura, assistenza e accoglienza, in strutture maggiormente idonee ai bambini. Tutta la prognosi e il giudizio di adeguatezza delle cautele nelle ipotesi di cui all’art. 275, comma 4, c.p.p. appaiono child friendly quando la persona da sottoporre a custodia cautelare sia donna incinta o madre di prole di età non superiore a sei anni, ovvero padre, qualora la madre sia deceduta o assolutamente impossibilitata a dare assistenza alla prole. La regolamentazione alternativa della custodia cautelare è significativamente ispirata da bilanciamenti fra le contrapposte esigenze di sicurezza sociale, dignità umana e diritti del bambino che si spingono sino a consentire specifiche eccezioni nelle limitazioni dettate sulla ricezione di pacchi, agli oggetti ed ai generi destinati alle detenute madri con prole in istituto per il fabbisogno dei bambini (art. 14 Regolamento penitenziario d.p.r. 30 giugno 2000, n. 230). Al giudice è dunque richiesta una valutazione di compatibilità fra l’esecuzione in forma “attenuata” della [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


8. Il divieto di avvicinamento

Altra misura cautelare modellata sul paradigma già inaugurato dalla l. 4 aprile 2001, n. 154 è il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa che può originarsi dai reati di violenza familiare ed è sicuramente destinata a incidere sulle dinamiche relazionali in senso ampio del nucleo. Ispirandosi agli emergengy orders of protection delle legislazioni di common law [137], diffusi oramai su larga scala [138], l’art. 282-ter c.p.p. introdotto dall’art. 9 d.l. 23 febbraio 2009, n. 11 conv. in l. 23 aprile 2009, n. 38, consiste nell’imposizione al destinatario dell’obbligo «di non avvicinarsi a luoghi determinati abitualmente frequentati dalla persona offesa ovvero di mantenere una determinata distanza da tali luoghi o dalla persona offesa». Qualora sussistano ulteriori esigenze di tutela, il giudice può prescrivere all’imputato di non avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dai prossimi congiunti della persona offesa (o da persone con questa conviventi o comunque legate da relazione affettiva) ovvero di mantenere una determinata distanza da tali luoghi o persone, volendo il legislatore ampliare lo spettro della tutela e rendere cogente il nucleo di prevenzione che sottende la misura [139]. L’ordinanza giudiziale nell’imporre la distanza fisica fra i soggetti può vietare all’imputato la comunicazione. L’originaria [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


9. Contraddittorio cautelare e ruolo dell’offeso

Tutto l’apparato cautelare pensato a vantaggio della persona offesa è accompagnato da un potenziamento del contraddittorio cautelare che incide sui tempi della decisione e si ripercuote sulla struttura e sulla motivazione dei provvedimenti de libertate. Il comma 2-bis dell’art. 299 c.p.p., inserito dall’art. 2, comma 1, lett. b), n. 2, d.l. 14 agosto 2013, n. 93, recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere, convertito dalla l. 15 ottobre 2013, n. 119, e ulteriormente modificato dall’art. 15, comma 4, l. 19 luglio 2019, n. 69, in allineamento alle fonti sovranazionali [150], punta al maggiore coinvolgimento della “vittima” in tutta la dinamica cautelare. Si intende evitare il rischio di reiterazione della vittimizzazione a mezzo di comportamenti intimidatori o ritorsivi da parte dell’autore del reato a danno della vittima. Perciò va data comunicazione alla persona offesa della revoca, sostituzione o applicazione con modalità meno gravose delle misure coercitive diverse dal divieto di espatrio e dall’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria [151]; qualora la richiesta di revoca o sostituzione della misura non sia stata proposta in sede di interrogatorio di garanzia, deve essere notificata, a pena di inammissibilità, alla persona offesa [152], per permetterle, entro due giorni, di presentare memorie dirette a comprovare la [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


10. Prova dichiarativa e vincoli di solidarietà familiare

La disciplina della facoltà di astensione dal deporre ex art. 199 c.p.p. accorda preferenza al desiderio di non nuocere processualmente al prossimo congiunto imputato, rispetto all’obbligo generale gravante sui testimoni di deporre secondo verità [168]. La costruzione dei limiti soggettivi della testimonianza, a presidio del sentimento familiare, configura una facoltà e non un divieto e tende a evitare forme di incapacitazione assolute. È rimessa all’interessato l’opzione sull’attivazione della tutela, al di fuori di qualsivoglia «presunzione insuperabile di inaffidabilità», lasciando al giudice la relativa valutazione» [169]. Il nucleo della tutela racchiusa nella disposizione tocca la veridicità della testimonianza, data la possibilità per i prossimi congiunti, se fossero obbligati a rendere la deposizione, di dichiarare il falso senza essere puniti penalmente [170], ma ciò che maggiormente traspare dalla regola è un evidente favor familiae [171]. In forza del rinvio all’art. 307 c.p., agli effetti della legge penale, la nozione di prossimi congiunti si riferisce agli ascendenti, ai discendenti, al coniuge, ai fratelli, alle sorelle, agli affini nello stesso grado, agli zii e ai nipoti, mentre non sono ricompresi gli affini, allorché sia morto il coniuge e non vi sia prole [172]. Si tratta di una categoria oggetto di attenzione ed [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


11. I dichiaranti vulnerabili

Nel richiamo alla “vulnerabilità” - concetto etico e al contempo espressivo di connotazioni giuridiche ai fini della tutela dei diritti umani in rilievo - il sistema processuale ha trasfuso un’esigenza di iperprotezione delle vittime di reati violenti e lesivi della libertà personale e sessuale spesso legati al contesto familiare. Accentuazione da un canto utile a caratterizzare la repressione penale, dall’altro funzionale a innovare la prova dichiarativa “debole” [203]. Una identica impronta ermeneutica pervade le disposizioni di diritto internazionale pattizio, gli esiti della giurisprudenza delle Corti sovranazionali, le scelte del legislatore nazionale, le decisioni nomofilattiche [204] e si raccoglie attorno al particolare riguardo verso gli offesi vulnerabili e verso le vittime di specifici reati lesivi dell’integrità fisica e morale della persona. Per limitare il danno processuale della c.d. vittimizzazione secondaria, determinato dal rivivere, durante l’escussione dibattimentale i sentimenti di paura, di ansia e di dolore provati al momento della commissione del fatto [205], sono state pensate tutta una serie di eccezioni al contraddittorio nell’accertamento dei delitti contro l’assistenza familiare o la libertà individuale [206], a salvaguardia, per quanto possibile, della genuinità delle dichiarazioni rese dalla persona offesa, specialmente laddove [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


12. La rilevanza delle relazioni familiari nel momento esecutivo

L’orizzonte dell’art. 27, comma 3, Cost., nelle declinazioni evolutive scandite dalla stessa Consulta attraverso il suo ricco «armamentario decisorio» [215], ha saldato i due aspetti della rieducazione del condannato e della umanità della pena, valendo, rispettivamente, a legittimare la sanzione penale e a esprimere l’esigenza che essa sia sempre più rispettosa della dignità umana [216]. Nella composizione contenutistica della pena costituzionale vanno collocate le relazioni fra la persona privata della sua libertà personale, il mondo esterno e la famiglia di provenienza [217], visti i danni «simbiotici» inferti dalla detenzione carceraria all’unità del sodalizio familiare [218]. Il rapporto genitoriale viene incrinato dalla detenzione sia in relazione al frangente cautelare sia in sede di esecuzione [219]. Fra i più gravi effetti indotti devono senz’altro menzionarsi le fratture emotive prodotte sui figli minori [220]. Nell’accezione ampia di «actions concerning children» [221] vanno ricomprese infatti non soltanto le misure che hanno un minore come destinatario immediato, ma altresì quelle che sullo stesso si ripercuotono indirettamente [222]. Per queste ragioni il rapporto con il genitore va mantenuto, anche se recluso [223], in un contesto di valorizzazione delle relazioni familiari nel corso dello sviluppo [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio